Utente 244XXX
salve vorrei avere un parere su un disturbo che mi porto dietro da ormai tre anni. Per diversi anni ho praticato palestra a periodi alterni. Purtroppo tutto questo tempo non ho dato molta importanza a fattori importanti come il riscaldamento e lo strecching e in più usando pesi sempre molto elevati. A fine 2008 sul lavoro ho preso una distorsione alla spalla sinistra, inizialmente non riuscivo neanche ad alzare il braccio, nonostante questo ho trascurato il problema e dopo un pò di sosta ho ricominciato ad allenarmi. Dopo un anno ho cominciato ad accusare dolori diffusi alle braccia e alle spalle, soprattutto alla spalla sinistra anche perchè su questa il dolore non era mai cessato totalmente in realtà. A questo punto prima ho effettuato una ecografia senza esito e successivamente a dicembre 2009 una risonanza magnetica alle spalle con questo esito:
spalla dx
solo iniziali segni di tendinopatia degenerativa cronica inserzionale del tendine sovraspinoso. Sostanzialmente nei limiti il tendine del sottoscapolare e sottospinoso. Riduzione dello spazio subacromiale (5 mm). Capo lungo del bicipite in sede senza segni di tenosinovite. Non versamento intrarticolare significativo. Alcuni minuti geodi della testa omerale. Minimi segni di artrosi acromion-claveare. Sostanzialmente conservato il trofismo dei restanti segmenti scheletrici esaminati.
spalla sx
discreta tendinopatia degenerativa inserzionale del tendine sottoscapolare che sembra presentare piccola lesione focale del margine bursale, e del sovraspinoso nella sua sede più anteriore. Sostanzialmente nei limiti il tendine del sottospinoso. Il tendine capolungo lungo del bicipite è in sede con modesti segni di tenosinovite.Minima quantità di versamento intrarticolare con distensione del recesso ascellare. Riduzione dello spazio subacromiale (circa 5mm) con iniziali segni di impingement. Iniziale artrosi acromion claveare. Sostanzialmente conservato il trofismo dei restanti segmenti scheletrici esaminati.
A questo punto visto i dolori e i fastidi persistenti ho smesso di allenarmi ma i dolori si ripresentano anche dopo mesi. Io faccio il metalmeccanico quindi capita in certi lavori di fare degli sforzi ripetuti che possono causare il riacuttizzarsi dei dolori. A parte una parentesi di un mese in cui ho provato a riprendere, oramai è quasi due anni che non mi alleno ma i dolori continuano a periodi a riacuttizzarsi anche a causa del lavoro che faccio. I dolori alle spalle anche in periodi apparentemente tranquilli possono tornare anche con dei movimenti sbagliati o bruschi. I dolori alle braccia si localizzano nella zona dell'avambraccio all'altezza del gomito dovrebbe essere tra l'estensore radiale lungo e il brachioradiale (scusate se scrivo eresie), quando si fa più acuto il dolore passa all'interno del gomito credo sul pronatore rotondo, infine quando si fa veramente forte arriva anche sopra il gomito penso sul tendine del tricipite. Nelle spalle il dolore si localizza nella parte posteriore con forse piccole differenze tra dx e sx, e a seconda dei movimenti anche lateralmente sull'articolazione. Tutti questi dolori quando sono continui si presentano in profondità e contemporaneamente,spalle braccia dx e sx e sembrano alleviarsi con la pressione delle dita e un massaggio profondo. Ho gia fatto delle visite e inizialmente anche dei trattamenti con antinfiammatori con stimolazioni elettriche senza nessun beneficio neanche immediato.Un altro fisioterapista mi ha detto che erano dovuti ad una forte tensione muscolare. L'ultima visita è di due mesi fa e la diagnosi è stata che sono dei normali dolori dovuti al''inattività sportiva. Spero riusciate a darmi maggiori indicazioni su come risolvere questo problema che comincia a pesarmi. Vorrei inoltre sapere se questa infiammazione generale possa essere collegata a qualcos'altro. Devo dire che si è sviluppata inizialmente in un periodo in cui ero fortemente stressato e teso. Ultima cosa, nel 2009 a causa di altri problemi mal interpretati da uno specialista ho fatto un forte uso di antibiotici ( ho parlato di questo in un altro mio messaggio) mi chiedo se ci possa essere un collegamento.

[#1]  
Dr. Giulio Pio Urbano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
16% socialità
RHO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:

inizio dall'ultimo suo quesito:

"...Ultima cosa, nel 2009 a causa di altri problemi mal interpretati da uno specialista ho fatto un forte uso di antibiotici..."

Per completezza bisognerebbe sapere il tipo di antibiotico, ma a parte questo dettaglio che potrebbe rivelarsi irrilevante, poichè
1) la sintomatologia da lei riferita era presente ANCHE prima dell'assunzione degli antibiotici;
2) alcune molecole/principi attivi di antibiotici, possono causare SOLO in caso di ABUSO e SOLO in soggetti predisposti sofferenze tendinee.

Nel suo caso la sintomatologia è presente dal 2008 e presenta un quadro di artrosi e tendinopatia scapolo omerale già diagnosticato con esami strumentali in suo possesso.

A mio parere dovrebbe reperire uno Specialista Fisiatra della sua zona di riferimento in modo da concordare degli approfondimenti diagnostici, per esempio anche a livello del rachide cervicale.

Vedrà che il Collega sarà sicuramente in grado di poterla aiutare.

In bocca al lupo!
Urbano Giulio Pio MD
Specialista Medicina Fisica Riabilitazione
e Psicoterapia
3398917774(h16-20)

[#2] dopo  
Utente 244XXX

grazie per la risposta, ho parlato dell'uso di antibiotici in un altra richiesta dal titolo "cicli antibiotici". Chiedo un ultima cosa crede che ci possa essere un collegamento diretto tra i dolori alle braccia e quelli alle spalle? Ad esempio il trauma iniziale alla spalla sinistra può aver causato nel tempo questa infiammazione generale. Ed infine con il quadro emerso dalla risonanza ci sarebbero gli estremi per un operazione o sono problemi completamente risolvibili attraverso altre tecniche?

[#3]  
Dr. Giulio Pio Urbano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
16% socialità
RHO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
"...crede che ci possa essere un collegamento diretto tra i dolori alle braccia e quelli alle spalle?"

Sì.

"...il quadro emerso dalla risonanza ci sarebbero gli estremi per un operazione o sono problemi completamente risolvibili attraverso altre tecniche?"

I dati in possesso NON consentono una precisa ipotesi diagnostica,

in ogni caso PRIMA di qualsiasi trattamento chirurgico vanno effettuati TUTTI i trattamenti/tecniche conservative a disposizione.

Cordialità.
Urbano Giulio Pio MD
Specialista Medicina Fisica Riabilitazione
e Psicoterapia
3398917774(h16-20)

[#4] dopo  
Utente 244XXX

salve ho fatto visionare ad un osteopata (in via informale) i risultati della risonanza sulle spalle, mi ha consigliato di fare degli esercizi di rafforzamento della cuffia dei rotatori senza altri trattamenti. Può essere una soluzione? Non credevo che si evidenziassero dei problemi in quella zona.