Utente 325XXX
Buongiorno a tutti e grazie per la disponibilità che fornite ogni giorno a tutti gli utenti.

Vi scrivo poiché il 2 ottobre ho subito un incidente con scontro prima laterale con un veicolo e poi semifrontale con un muro di separazione.

Ho subito il classico colpo di frusta e un forte dolore lombare.
Dopo tutti gli accertamenti non sono risultate fratture.
Mi sentivo insaccato in zona lombare e provavo forti dolori a qualsiasi movimento, ora è praticamente cronico 24h/24h in qualsiasi posizione.
Premetto che non ho mai sofferto di mal di schiena e che ho 25 anni.

Ho effettuato RM lombare (mirate L2 - S1)

Ecco la diagnosi dall'ospedale:

"In corrispondenza dello spazio intervertebrale L4-L5 è presente protusione di materiale discale circonferenziale costituente ernia subligamentosa responsabile di amputazione dello spazio subarcnoideo con impronta anteriore sul sacco durale in sede mediana e iuztaforaminale bilaterale.
In corrispondenza dello spazio invertebrale L3-L4 e L5-S1 è presente protusione di materiale discale responsabile di impronta anteriore sul sacco durale prevalente in sede mediana.
Il cono midollare termina all'altezza di L1.
I diametri del canale vertebrale sono ai limiti della norma"

Mi interesserebbe sapere cosa significa e soprattutto quanto durerà sottoponendomi alla corretta terapia e se è derivante dall incidente o se erano problemi pre-esistenti senza provocare dolore.

Ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Fabio Teriaca

20% attività
0% attualità
0% socialità
TORINO (TO)
GRAVINA DI CATANIA (CT)
TAORMINA (ME)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2010
Salve.. Sicuramente ha avuto un incidente abbastanza violento.. Andrebbero viste le immagini per poter definire l'entita' del danno.. Personalmente non mi fido molto dei referti che tendono spesso ad accentuare o piuttosto a sminuire il quadro clinico. Però se dobbiamo attenerci al referto da lei inserito, normalmente le ernie circonferenziali richiedono trattamento chirurgico, e considerata l'età conviene sottoporsi a tale intervento perché sono sempre causa di Algie e parestesie.. Anche se ahimè tengono a recidivare con una elevata frequenza.. Non mi preoccuperei invece per le altre mediane.. Cordiali saluti
Dr. FABIO TERIACA

[#2] dopo  
Dr. Fabio Teriaca

20% attività
0% attualità
0% socialità
TORINO (TO)
GRAVINA DI CATANIA (CT)
TAORMINA (ME)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2010
Salve.. Sicuramente ha avuto un incidente abbastanza violento.. Andrebbero viste le immagini per poter definire l'entita' del danno.. Personalmente non mi fido molto dei referti che tendono spesso ad accentuare o piuttosto a sminuire il quadro clinico. Però se dobbiamo attenerci al referto da lei inserito, normalmente le ernie circonferenziali richiedono trattamento chirurgico, e considerata l'età conviene sottoporsi a tale intervento perché sono sempre causa di Algie e parestesie.. Anche se ahimè tengono a recidivare con una elevata frequenza.. Non mi preoccuperei invece per le altre mediane..il dolore e la sofferenza midollare continua in media una ventina di giorni dopo la decompressione..sicuramente l'incidente ha contribuito al quadro clinico.. Cordiali saluti
Dr. FABIO TERIACA

[#3] dopo  
161184

Cancellato nel 2016
Salve, concordo col collega sulla gravitá dell'ernia subligamentosa nel suo caso. Ovviamente va inquadrata clinicamente con una visita attenta alla ricerca di segni di sofferenza periferica oltre che algica e, prima di un eventuale approccio chirurgico, non escluderei una elettromiografia.
Bisogna considerare anche un tentativo pre-interventistico con ozonoterapia intradiscale sotto guida radioscopica ma a questo punto sarebbe meglio rivolgersi al neurochirurgo con in mano RMN ed EMG per decidere il da farsi.

Per quanto riguarda, invece, il nesso causale, ci deve dire, se possibile, qual é la sua ordinaria occupazione ed il suo stile di vita, oltre che l'etá ed altri fattori sociali che qui, magari, non é io caso di scrivere: questo perché gli atteggiamenti posturali cronici, sbagliati, ritenuti naturali o necessari e reiterati per anni della vita quotidiana spesso sono i primi responsabili dell'insorgenza o aggravamento delle patologie discali ed un incidente automobilistico, per quanto grave, difficilmente potrá rappresentare il "primum movens".

[#4] dopo  
Utente 325XXX

Salve a tutti e grazie per le risposte.

Il 31 ottobre ho effettuato una visita ortopedica e mi è stato detto che i dolori che provo sono muscolari.
Io non mi sento indolenzito come i dolori muscolari provocano, sento un dolore cronico 24h/24h tipo "punta" nella zona Lombare.
Mi è stata consigliata fisioterapia e nuoto, che le ernie non sono il sintomo del mio dolore (spero sia così anche se ho i miei dubbi)
Se volete posso mandarvi le RM per email.

Grazie in anticipo per le risposte

[#5] dopo  
Dr. Roberto Sergi

32% attività
16% attualità
12% socialità
PIETRA LIGURE (SV)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Salve, premettendo che è difficile esprimere un serio parere senza visionare le immagini RM e senza osservare direttamente il quadro clinico, posso confermare che l'ernia è - anzi direi sono - sicuramente importante/i, ma se non vi sono conseguenze neurologiche (es. interessamento nervi periferici con deficit sensitivo-motorio o peggio con sintomi da cauda) mi terrei alla larga dalla chirurgia e mi sottoporrei esclusivamente a terapia conservativa. Il fatto che riferisce solo dolori muscolari, implica che non vi siano lesioni neuroperiferiche ma esclusivamente "contratture muscolari" da contusione diretta e/o indiretta.
Quanto al nesso causa-effetto, pur non sapendo l'attività lavorativa-sportiva precedente al trauma, non si può escludere che il trauma possa aver causato le ernie lombari, anzi lo ritengo probabile. cordiali saluti.
dott. Roberto Sergi