Utente 352XXX
A seguito di ripetute lombalgie, mi sono sottoposta ad una RM lombare e a una RM del rachide lombo-sacrale, di cui vi riporto i rispettivi referti.

RM RACHIDE LOMBARE.

Normale il segnale del cono midollare e del tratto inferiore del midollo dorsale.
Modesta atrofia calcarea delle vertebre dorso-lombari e sacrali da D10.
Segni di disidratazione dei dischi intervertebrali dorso-lombari da D9-D10 fino al passaggio lombosacrale.
Circoscritte alterazioni di segnale a carico dei corpi vertebrali L1, L2 ed L3 riferibili ad angiomi degli stessi.
Lieve scoliosi lombare con modesta rotazione assiale dei corpi vertebrali.
Modesto bulging del disco intervertebrale a livello L2-L3 con dolce impronta anteriore sull'astuccio durale. Analogo reperto si riscontra in L3-L4 dove più pronunciata risulta la sporgenza del disco intervertebrale.
A livello L4-L5 si rileva protrusione discale mediana e para-mediana ad ampio raggio con impronta anteriore sull'astuccio durale. Altra modesta salienza discale si riscontra in sede di passaggio lombo-sacrale.
Si associano fatti degenerativi a carico delle vertebre.
Un po' ridotta l'ampiezza dei forami di congiunzione bilateralmente in sede di passaggio lombosacrale.
Le protrusioni discali a livello L2-L3, L3-L4 ed L4-L5 sono un po' più pronunciate anche nella porzione declive dei forami di congiunzione bilateralmente.
Spazi discali intersomatici dorso-lombari conservati.

RM RACHIDE LOMBO-SACRALE.

Lo studio del tratto lombo-sacrale evidenzia la presenza di protrusione del disco a livello L2-L3, più accentuata sul lato destro.
A livello L3-L4, piccola ernia discale mediana un po' scivolata in basso.
Protrusione discale si evidenzia a livello L4-L5, più sul lato sinistro. Reperto analogo anche a livello L5-S1.

Da anni avverto frequenti lombalgie con dolore, in particolare nella parte bassa della schiena (grossomodo nella zona lombosacrale, parte finale della schiena e glutei). Avverto questo disturbo, in particolare, la mattina appena alzata.
Aggiungo anche che non posso permettermi di stare distesa nel letto in posizione supina, in quanto, mi fa male il dorso e le dita del piede destro, inoltre sempre in questa posizione avverto uno strano disturbo sensitivo alla caviglia, che si potrebbe definire, come una specie di fasciatura e difficoltà a muovere le dita del piede destro.
Per questo motivo sono costretta a dormire sul fianco, posizione questa che attenua quasi del tutto i sintomi sopra-descritti.
Durante il giorno mi capita di avvertire quasi quotidianamente una debolezza alle gambe di tipo fluttuante. A volte, mentre cammino, mi capita di inciampare perché non riesco ad alzare bene il piede destro.

Aggiungo inoltre che soffro di un po' di scoliosi e di una leggera cifosi dorsale.

Inoltre, a seguito di un incidente stradale, capitato circa 30 anni fa, nel quale ho avuto un colpo di frusta e un trauma cranico (parte destra della testa) con conseguente perdita temporanea di memoria, ho scoperto recentemente di avere anche un po' di artrosi cervicale.

Volevo sapere se i sintomi che vi ho riferito sopra, potrebbero essere causati dalle problematiche rilevate dagli esami da me effettuati.

Ringrazio in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Luca Pace

24% attività
0% attualità
4% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2011
Buongiorno, in linea generale rispondo alla sua domanda dicendo che vi può essere un nesso tra il quadro di Risonanza ed i sintomi da lei riferiti.
Potrebbe essere utile integrare la RM con altri esami dopo però essersi sottoposta ad un attento esame clinico che valuti il disturbo sensitivo e ne chiarisca la natura,confermando la necessità di un approfondimento diagnostico.
Cordialità
Dott.Luca Pace
Dr. Luca Pace

[#2] dopo  
Utente 352XXX

Gentili dottori,
vi ricontatto nuovamente per aggiornarvi sul mio caso.
Dopo una visita fisiatrica, mi è stato consigliato dallo specialista, di effettuare anche i raggi della colonna lombo-sacrale, di cui vi riporto il referto qui sotto:

Scoliosi lombare sinistro-convessa ad ampio raggio. Ridotta la lordosi nel radiogramma in proiezione laterale. Diminuita verso destra l'altezza del disco intersomatico tra L3-L4. Appuntimento osteofitosico del profilo anteriore dei piani limitati affrontati di L2-L3 L4-L5.
Artrosi delle articolazioni interapofisarie tra L4-L5-S1. Regolari le sincondrosi sacroiliache. Conservato il tenore calcico.

Il motivo di tale indagine, è stato, probabilmente anche l'aggravarsi della mia sintomatologia negli ultimi mesi (soprattutto per quanto riguarda il dolore).
Nell'attesa di ritornare dal fisiatra, per capirne di più, vi chiedo, nel limite del consulto online, se i sintomi citati sopra, possano essere ulteriormente spiegati dall'esame da me appena effettuato.
Vi ringrazio.