Utente 164XXX
Salve,
cosa sono e a cosa possono portare schisi in S1, spondilosi somatica interapofisaria e artrosi?
Si possono curare?
Grazie, saluti.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Aiello

36% attività
8% attualità
16% socialità
SCIACCA (AG)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2014
Gentile Utente,
La schisi di S1, ed in particolare della porzione posteriore della vertebra, consiste in una variante anatomica di frequente riscontro occasionale nelle radiografie o altri esami strumentali (TC / RM) mirati allo studio lombare, caratterizzata da una mancata saldatura dell'anello osseo che costituisce la parte posteriore della vertebra.
Da sola non costituisce un reperto di gravità.
I restanti rilievi di "spondilosi somatica ed interapofisaria" rappresentano dei connotati di iniziale invecchiamento delle vertebre (spondilosi) e delle articolazioni che le congiungono (interapofisaria).
Questi connotati di cui sopra sono espressione di un processo di maturazione delle vertebre, non sono reversibili ma possono evolvere in entità fino alla spondiloartrosi conclamata (un ulteriore invecchiamento).
Tuttavia la velocità con cui si manifestano e si aggravano viene influenzata da molteplici fattori legati al singolo soggetto (fattori costituzionali, tipo di lavoro etc....).
Si possono curare? Beh.... si può intervenire cercando di compensare i disturbi che questo invecchiamento può comportare e cercando di ritardare quanto più possibile questo "invecchiamento".
Il Suo Medico Curante o lo Specialista Fisiatra/Ortopedico Le sapranno dare tutte le opportune indicazioni in merito.
Cordialità.
Dott. Alessandro Aiello
Dirigente Medico di Radiodiagnostica
U.O. Radiologia - Ospedale Giovanni Paolo II° - Sciacca (AG)

[#2] dopo  
Utente 164XXX

Gent.mo Dott. Aiello,
intanto grazie per la sua risposta attenta e gentile.
Cosa s'intende per maturazione delle vertebre?
Che fa parte del normale ciclo della vita?
Cosa mi consiglierebbe Lei?
E' ovvio che andrò da un fisiatra, ma è giusto per avere un'idea.
Grazie, saluti.

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Aiello

36% attività
8% attualità
16% socialità
SCIACCA (AG)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2014
Gentilissimo,
mi riferisco solo a quei prevedibili fenomeni che si accompagnano alla crescita di ognuno di noi.
Le ho specificato infatti sopra che i rilievi di "spondilosi somatica ed interapofisaria"rappresentano dei connotati di iniziale invecchiamento delle vertebre, così come invecchia qualsiasi cosa in base all'uso che se ne fa.
Non posso pertanto consigliarLe null'altro se non quanto già detto, ovvero di chiedere un consulto al Fisiatra o all'Ortopedico se dovesse avere dei disturbi presumibilmente legati alla "regione colonna vertebrale".
Stia sereno!
Un cordiale saluto.
Dott. Alessandro Aiello
Dirigente Medico di Radiodiagnostica
U.O. Radiologia - Ospedale Giovanni Paolo II° - Sciacca (AG)

[#4] dopo  
Utente 164XXX

Grazie Dottore!
Ma è possibile abbassarsi con l'altezza?
Grazie, saluti.

[#5] dopo  
Dr. Alessandro Aiello

36% attività
8% attualità
16% socialità
SCIACCA (AG)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2014
Si spieghi meglio.....
Dott. Alessandro Aiello
Dirigente Medico di Radiodiagnostica
U.O. Radiologia - Ospedale Giovanni Paolo II° - Sciacca (AG)

[#6] dopo  
Utente 164XXX

...qualche anno fa misuravo 1,67...ora continuo a misurarmi e sono 1,64...ma non mi sembra possibile!

[#7] dopo  
Dr. Alessandro Aiello

36% attività
8% attualità
16% socialità
SCIACCA (AG)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2014
Abbassarsi di ben tre cm a 28 anni mi pare un pò improbabile.
Dovrebbero essere esaminate con cura le curvature della colonna vertebrale.
Magari è mutata la postura.
Dott. Alessandro Aiello
Dirigente Medico di Radiodiagnostica
U.O. Radiologia - Ospedale Giovanni Paolo II° - Sciacca (AG)

[#8] dopo  
Utente 164XXX

...forse la scoliosi...quindi, alla fine, fisiatra?
Grazie.