Utente 395XXX
Salve, da quasi un anno soffro di una particolare condizione, a livello del rachide cervicale. Premetto di essere uno studente di medicina, prossimo alla laurea, e speranzoso di ottenere qualche delucidazione, ho deciso di chiedere un consulto qui. Quasi un anno fa in seguito ad un periodo di forte stress e di tensione muscolare cervico-dorsale, ho notato strani 'clac' articolari alla base del collo. Questi rumori, non accompagnati da dolore, a parte quello muscolo-tensivo quasi sempre presente, li avvertivo specialmente durante i movimenti di flessione del collo in posizione supina, percettibili con la mano poggiata sulla nuca, come uno 'scatto' a livello di c6-c7. Avevo notato inoltre che questa condizione si accentuava quando ero particolarmente teso a livello muscolare, e facendo pressione con le dita sul processo spinoso c6, ho sentito come se, per assurdo, la vertebra rientrasse in sede (in direzione postero-anteriore). Preoccupato mi sono recato dal mio MMG, il quale mi ha semplicemente prescritto una RX cervicale P-A ed L-L, dalla quale è risultato tutto normale, tranne che per la perdita della naturale lordosi. Cercando di evitare ulteriori indagini di secondo livello e visite, nel tempo ho eseguito degli esercizi di stretching, che hanno portato ad un buon miglioramento della sintomatologia dolorosa (muscolare) e la attenuazione di questi rumori. La condizione tuttavia non si è del tutto risolta e questi 'clac' si ripresentano, specialmente dopo essere stato per tempo prolungato chino sui libri. Non avendo subito traumi e vista la condizione verosimilmente benigna di questi scrosci articolari, mi sono per ora risparmiato altri esami, ma non sono riuscito a spiegarmi la causa di questo 'spostamento' vertebrale. Vi ringrazio del vostro lavoro

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro prossimo collega,
non credo che una semplice pressione sulla spinosa di una vertebra possa "spostarla" e del resto il radiogramma ha escluso qualsiasi anomalia.
La rettilineizzazione del tratto cervicale può essere dovuta a una contrattura antalgica, ma la diagnosi definitiva va posta con la visita ed eventuali ulteriori accertamenti.
Non mi pare comunque una situazione preoccupante.

Cordialità ed auguri per i tuoi studi
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente 395XXX

La ringrazio Dott. Migliaccio per la sua risposta, ho sempre ritenuto infatti questa mobilità vertebrale un po' un'assurdità, anche se qualcosa a livello sottocutaneo, si sposta proprio sopra il processo spinoso sotto pressione digitale. Il mio vero dubbio rimane riguardo alla causa (anatomica) del rumore secco di cui parlavo, un vero e proprio scatto, in flesso estensione, e quali esercizi riabilitativi consiglierebbe per una ripresa ottimale. La ringrazio della sua pazienza