Utente 108XXX
E' da circa 3 mesi che soffro di forti dolori cervicali, anche il solo alzare la testa mi provoca fastidio, sento sempre come un "anello" che mi circonda la parte dietro la testa, ho sempre quella zona in tensione, e durante la giornata a volte, quando giro la testa come per dire "NO" mi prende un vero e proprio crampo.

Questo mi comporta anche frequenti mal di testa, e una leggera instabilita', perche' quando mi prendono questi dolori in maniera forte, ho qualche problema di equilibrio.

Volevo chierede qual'era l'iter da seguire per risolvere questo problema, oltre a dei raggi che non hanno evidenziato niente e una cura con antinfiammatori non ho fatto niente altro.

Ho notato che quando ci sono repentini cambiamenti del tempo, il problema si acutizza, soprattutto quando si passa dal bel tempo al brutto, in pratica dalla alta alla bassa pressione atmosferica.

Vi ringrazio anticipatamente.

Se desiderate ulteriori info, chiedee pure.

[#1]  
10161

Cancellato nel 2009
Esistono le artriti reattive, quelle manifestazioni che sono seguenti ad una infezione virale o batterica precedente, anche di molti anni indietro. Individuato l'agente eziologico, si stimola il sistema immunitario a portarlo via. In omeopatia esiste un grande farmaco per i disturbi derivanti dal tempo umido, (non è una metereopatia!). Quindi farmaco specifico, farmaco di similitudine di malattia, genoma del virus e batterio, per stimolare il sistema immunitario a tornare come prima.
saluti

[#2]  
Dr. Gianni Sulis

24% attività
4% attualità
0% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2005
Potrebbe essere un "blocco" a livello dell'atlante e, soprattutto dell'epistrofeo, a questo livello infatti la muscolatura cervicale profonda "copre" la arteria vertebrale ed una sua contrattura può determinare una sofferenza a livello della sostanza reticolare attivante con instabilità, stanchezza al risveglio (astenia paradossa) ect.. Una manipolazione a questo livello previa accurata indagine radiologica e manuale da ottimi risultati.

Cordialmente G. sulis
Gianni Sulis

[#3] dopo  
Utente 108XXX

Per quanto riguarda l'instabilita' ho un appuntamento con il prof. Pagnini di Careggi in settimana.

Cmq mi rimane un po il dubbio da quale medico specifico mi devo rivolgere per problemi collo/cervicale/testa....

grazie

[#4]  
Dr. Gianni Sulis

24% attività
4% attualità
0% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2005
un terapista manuale
Gianni Sulis

[#5]  
Dr. Aurelio D'Ecclesia

24% attività
0% attualità
0% socialità
SAN GIOVANNI ROTONDO (FG)
FOGGIA (FG)
VIESTE (FG)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Il mio consiglio è di eseguire una visita specialistica da un fisiatra (medico specialista) e da un ortopedico specialista in problemi di colonna cervicale, accompagnata da uno studio con Rmn dell encefalo e del rachide cervicale (unica indagine precisa e accurata che possa escludere protrusioni discali o altre patologie dei tessuti molli). Le manipolaziioni devono essere prescritte alla luce di tali indagine ed eseguite da gente veramente esperta (non pochi sono i danni che ho visto dopo alcune manovre inappropriate).
Per l'instabilità fa bene a consultare il Prof. Pagnini, grande persona ed eccelente esperto di vertigini.
Cordilaità
aurelio d'ecclesia

[#6]  
Dr. Gianni Sulis

24% attività
4% attualità
0% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2005
Tutte le cose dette dal collega sono giuste, in particolare è importante eseguire la rx transorale per studio del dente dell'epistrofeo che permette di verificare la posizione del dente rispetto alle masse laterali dell'attlante e permettere di manipolare senza problemi. Il sottoscritto, oltre ad essere otorino è terapista manuale ed utilizza le manipolazioni proposte dalla scuola di Bourdiol cosi dette miotensive che espongono a rischi manipolativi estremamente bassi. E' ovvio che chi effettua queste terapie deve essere esperto e non una persona che si improvvisa, e purtroppo questo è un campo ove ci sono molti improvvisatori.
Gianni Sulis