Utente 423XXX
Gentili Dottori,
sono un ragazzo di 23 anni in apparente buona salute.
Da un giorno, dopo un allenamento in palestra, ho iniziato ad accusare un dolore alla parte alta del polpaccio di sn, il dolore non è ben localizzato, aumenta alla pressione dell’area interessata e all’estensione della gamba. Il dolore inoltre aumenta dopo un periodo di immobilità (ad esempio se rimango seduto per un po’ o al risveglio) e diminuisce con i primi passi pur non cessando mai del tutto costringendomi “a zoppicare”.
Su consiglio del farmacista ho applicato ketoprofene ad uso topico (artrosilene 15%).
Vorrei chiedere se sia il caso di prendere antinfiammatori per os, se devo fare ghiaccio/immobilizzazione/compressione.. insomma vorrei chiedere cosa devo fare e in quanto tempo potrei recuperare.
Grazie molte

[#1] dopo  
Dr. Antimo Moretti

24% attività
8% attualità
8% socialità
RECALE (CE)
TEANO (CE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Gentili Utente,

da quanto descrive sembra possa trattarsi di una lesione muscolare. Naturalmente, per poter ben definire la tipologia di lesione, sia una visita specialistica (fisiatrica) che un esame ecografico della regione interessata sono sicuramente utili. Riguardo al consumo di anti-infiammatori per os, andrebbe limitato considerando che non sono ancora ben noti i loro effetti nel processo di recupero delle lesioni muscolari. Nel suo caso, il ghiaccio è utile nei primi 3 giorni (più volte al giorno per circa 20'), mentre la compressione con bendaggio funzionale (o con tutore in neoprene), integrata da un programma di esercizio terapeutico e terapie fisiche, tipo ultrasonoterapia e laserterapia (praticati da un fisioterapista) può essere d'aiuto.
Inoltre, in questa fase, può essere utile calzare un plantare rialzato di circa 0,5 cm a sinistra.
I tempi di recupero variano ovviamente in base alla tipologia e gravità della lesione, ma nel caso di una lesione più limitata, come lo stiramento, potrebbe recuperare (intendo ritorno all'attività sportiva) in circa 3 settimane.

Spero di esserle stato utile.

Cordiali saluti
Dr. Antimo Moretti
Specialista in Medicina Fisica e Riabilitativa