Utente
Salve gentili dottori,

Sono un ragazzo di quasi 21 anni e da circa 10 giorni soffro di un fastidio allo stomaco che credo sia gastrite.
Tra l'altro 2 giorni fa ho passato la notte con vomito e diarrea e il giorno dopo ho avuto la febbre tra i 37.5 e i 38.5...

Dovrebbe essere un virus?

Premetto che sono un po' ipocondriaco e circa un anno e mezzo fa (precisamente a inizio novembre 2008) ho avuto un rapporto a rischio.
Ho effettuato un test anti HIV di quarta generazione a 15gg, 1 mese, 3 mesi, 4 mesi, 5 mesi, 6 mesi e 1 anno dall'evento a rischio ed in più 3 PCR rna a 15 gg, 3 mesi e 6 mesi dal rapporto, poi non ho mai più avuto rapporti.

Dovrei fare un protidogramma per vedere se fossi ipogammaglobulinemico? (anche se sapevo che sono le forme gravi e ben conosciute di ipo- e a- gamma che oscurano la comparsa di anticorpi) e comunque in un anno avrei in ogni caso coperto anche questa eventualità?

Spesso ho sentito dire che la gastrite è un frequente sintomo in HIV, ma non ho capito se nel periodo di latenza, nella finestra immunologica o in AIDS conclamato.

Devo anche dire che somatizzo molto e spessso quando sono sotto stress mi saltano fuori strani sintomi (come qualche mese fa una infiammazione lieve alle vie urinarie)

Ci può rientrare qualcosa la mia gastrite? Rispondetemi per favore perchè sto andando in paranoia!

Scusate i mille dubbi anche assurdi che ho in questa testaccia ma vi prego rispondetemi...

Grazie infinite in anticipo!

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Considerata la febbre e il resto dei sintomi da lei riferiti (vomito e diarrea) e' verosimile che cio' che ha avuto due giorni fa possa essere stata una gastroenterite virale. Il dolore allo stomaco dovrebbe invece avere origini diverse: non penserei di certo all'AIDS, ma comunque le consiglierei di indagare ulteriormente cominciando col farsi visitare dal suo Medico di Famiglia.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore per la tempestività della risposta.

Beh, me ne vergogno a dirlo, ma il mio medico curante è mia mamma e lei ha già la sua diagnosi, ovvero gastroenterite virale, è solo che volevo sentire altre opinioni al riguardo data la mia vicenda passata che a mia madre per effettuare i test, ho camuffato.. dicendole che mi ero punto con una siringa vicino casa accidentalmente... lo so è scorretto, ma altrimenti sarebbe stato imbarazzante...

Volevo aggiungere che in famiglia, specialmente mio padre, soffre di gastrite da quando aveva 23 anni e di reflusso gastroesofageo con ernia jatale...
Per accertare se l'avessi anch'io dovrei fare una gastroscopia? (cosa che odio solo a sentire il nome).

Grazie ancora!

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Capisco che puo' essere una situazione imbarazzante... Comunque sua madre ha posto una diagnosi che mi trova d'accordo, come gia' le avevo scritto poco fa. In ogni caso, poiche' non e' mai una buona idea nascondere notizie importanti ad un Medico, forse sara' piu' semplice se confidera' tutto ad un altro Collega. Fermo restando che se chiede a sua madre di indagare circa i disturbi gastrici non dovrebbe essere un grosso problema. Tanto piu' che queste cose sono piuttosto comuni e quasi mai hanno a che fare con l'AIDS.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio molto dottore per il suo consulto.

Ho iniziato con una compressa di esomeprazolo 20 mg al mattino e una prima di dormire e già sto un po' meglio...( ovviamente i risultati si vedranno tra qualche giorno)..

Comunque appena potrò, indagherò di più, perché sicuramente il mio stomaco avrà qualche problemino.
Grazie di nuovo!

Cordiali saluti.

[#5]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
E' probabile. Pero' vedra' che la cura le dara' giovamento.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com