Utente
36 anni con ipertensione arteriosa (150 max, 100-110 min),insufficienza mitralica, incontinenza, calcolosi della colecisti con la cistifellea al limite della quantità possibile di calcoli.Da esami fatti il 18-05-2010 risulta inoltre quanto segue:trigliceridi 466,acido urico 9,2 , creatinina 2,12, gamma gt 167, transaminasi g.o. 39, transaminasi g.p. 24, fibrinogeno plasma 3,98 , proteina c reattiva 12,7.A questo aggiungiamo anche una ritenzione di liquidi e gonfiore degli arti inferiori e dei piedi,fino a circa una settimana caterismo permanente per via di un disturbo funzionale della vescica o per via di una o più possibili lesioni a livello midollare o spinale (questo quanto ipotizzato da un urologo che ha visitato il paziente in questione).
A questo si aggiungono problemi di natura respitoria e problemi di natura digestiva accompagnati spesso da vomito persistente.

Grazie mille

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Il paziente in questione e' lei? Qual'e' la domanda che intende porre?
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Si sono io, e ho visto che c'è un piccolo errore che correggo:

"...........fino a circa una settimana fà avevo il catetere a permanenza per via di..........."

La mia domanda è semplice: so che devo andarmi a rioverare al più presto ma in quale reparto?
In mezzo a tante voci anche di medici (anche in famiglia)nessuna che abbia saputo "aiutarmi".

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Vista la complessita' del problema credo che il posto adatto sia un'Unita' di Medicina Interna. Tuttavia questa scelta non spetta al paziente: il Medico di Famiglia propone il ricovero (prescrivendolo sull'apposito ricettario) e il Medico responsabile del Servizio Accettazione dell'Ospedale dove lei andra' dovra' deciderle a quale Reparto affidarla.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#4] dopo  
Utente

Grazie mille per la sua disponibilità, e vorrei anche

aggiungere che il mio medico di famiglia mi ha solo

suggerito il ricovero urgente presso una struttura

ospedaliera attrezzata, come il Careggi di Firenze

suggeritomi da amici, e quindi muovermi dalla sicilia e

tornare in uno stato decisamente migliore dell'attuale.


Grazie Ancora.

[#5]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
A Careggi hanno ottimi Medici e ottime strutture. Pero' io sono sempre contrario a questo tipo di viaggi: meglio rimanere vicino casa: e non mi dica che a Trapani non ci sono gli Ospedali...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#6] dopo  
Utente

Carissimo Dottore Spina, lei forse non conosce la reale

situazione sanitaria della regione sicilia, e le posso

garantire che è assolutamente pessima anche perchè l'ho

sperimentata sulla mia persona e ho visto il degrado

medico culturale altissimo che caratterizza la mia zona e

mi creda non mi piace dire certe cose ma se queste

corrispondono a verità oggettive e di fatto perchè no?

Preferisco "scappare" dalla Sicilia e avere maggiore

certezza di vita!!!!

Cordiali Saluti.

[#7]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Mi dispiace che dica questo. E' vero, io non conosco la Sanita' in Sicilia, ma ho conosciuto tanti Colleghi validi che lavorano nei vostri Ospedali e faccio fatica a credere al "degrado medico culturale altissimo" del quale scrive lei. Certo, qualche caso di malasanita' ci sara' pure stato, pero' queste cose purtroppo accadono in tutta Italia: lei forse generalizza troppo. Ad ogni modo scegliere a chi affidare la propria salute e' un diritto sacrosanto di qualunque cittadino, quindi rispetto senz'altro le sue scelte. Abbia soltanto l'accortezza di rimanere nelle vicinanze dell'Ospedale anche in un periodo congruo dopo la dimissione.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com