Utente 162XXX
Salve,vorrei esporle il mio problema.Sono una ragazza di 19 anni,circa un mese fa dopo un lutto devastante,ho avuto due giorni di febbre,curata.Qualche giorno dopo ho avvertito un forte senso di oppressione al petto,senso di soffocamento,e dolori allo sterno e nella zona pericardica.In ospedale mi è stato effettuato un ecg risultato negativo,il mio cuore era perfetto,e un torace,i miei polmoni e il mio cuore stavano bene,il torace era ok.Non contenta ho iniziato una cura per una presunta tracheite con acumentin,durante questa cura ho avvertito un nodo alla gola,come se avessi qualche boccone che non riusciva ad andare giù,sono stata dal medico che dopo avermi fatto una visita accurata mi ha detto che non avevo niente,che era un fatto ansioso.Da quel giorno non ho avvertito nessun sintomo nè fastidio.Circa una settimana dopo ho iniziato ad avvertire di nuovo questo peso e questo nodo e di conseguenza questo senso di soffocamento.Essendo ipocondriaca,sono ritornata dal medico,che continuava ad affermare che era un fatto ansioso( premetto che martedi,ho anche l'esame di stato),ma per escludere qualsiasi cosa,ho fatto le analisi del sangue.Tutti i valori erano nella norma,gli esami della tiroide ad esempio erano nella norma,e la ves era 5(non c'è nessuna infiammazione),emocroma perfetto,tutto bene.Ma per voler essere proprio sicura,ho anche eseguito un eco alla tiroide.L'ecografia ha rivelato nessuna presenza di noduli e dimensione regolare della ghiandola.Sa qualche giorno mi sento meglio,anche se durante il giorno mi capita di sentire questo nodo,che mi da fastidio quando deglutisco,anche se quando mangio e bevo provo sollievo cosi come quando emetto aria eruttando.Credo che sia effettivamente un fatto ansioso,ma vorrei sapere cosa poter fare per alleviare questo fastidio.Inoltre a volte credo di avere delle crisi di panico,in quanto mi capita di sentire proprio come se si stesse chiudendo la laringee e mi sento soffocare,dopo un pò quando inizio a pensare che non posso realmente soffocare,mi inizio a calmare e torna tutto come prima.Ho paura che possa essere qualcosa di patologico di cui non mi sono accorta,lei ha qualche consiglio?la ringrazio e mi scuso per la lunghezza della mia richiesta.

[#1]  
Dr. Stelio Alvino

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
8% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
ABBADIA SAN SALVATORE (SI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Buonasera, lei ha fatto veramente tanti controlli per non sospettare che effettivamente vi è un quadro ansioso grave che andrà trattato. Il recente lutto, e se non bastasse l'imminiente esame di maturià sono di per se più che sufficienti ad aver creato un quadro di stress psico-fisico importante.
Ora sicuramente gli impegni imminenti lasciano poco spazio ma quanto prima dovrà affrontare con un aiuto psicologico questa fase della sua vita. Intanto potrebbe sentire uno dei nostri psicologi postando il quesito in area specifica di "Psicologia" e vedere se gli specialisti possando darle un "primo soccorso".
saluti
La consulenza è prestata a titolo puramente
gratuito secondo lo stile Medicitalia.it
Dott. Stelio ALVINO

[#2] dopo  
Utente 162XXX

Devo precisare che questi fastidi che avverto,anche nel deglutire ecc...non sono sempre frequenti,a volte si attenuano,a volte scompaiono,la notte non soffro di nulla,dormo bene.secondo lei non dovrei fare altri esami? tipo laringoscopia o non so.