Pillola e ritardo

Buongiorno dottore,
questo mese ho curato un infezione alla gola con medrol e levoxacin per dieci giorni e nel frattempo ho continuato ad assumere la pillola che prendo ormai da 3 anni. Il problema è che ieri avrei dovuto avere l'emorragia da sospensione e invece (cosa che non è mai successa prima) ancora non vedo niente. Sono abbastanza tranquilla nell'escludere una gravidanza in quanto ho avuto soltanto 2 rapporti e entrambi protetti dall'inizio alla fine. Venerdì dovrei ricominciare il nuovo blister, ma non so come comportarmi se non avrò il ciclo. Secondo lei la cura molto forte che ho fatto può influire sul ritardo? Come mi devo comportare?
Grazie mille.
[#1]
Attivo dal 2010 al 2011
Medico di medicina generale, Medico di base, Pneumologo, Psicoterapeuta
Gent.ma Utente,

L'uso di antibiotici l'avrebbe messa in condizioni vulnerabili per tutto il periodo della terapia PIU' 7 giorni, quindi non credo che ci siano stati problemi di questo tipo. Ad ogni modo, i ritardi (o le mancanze) diventano significativi quando avvengono per almeno tre mesi. Continui pure l'assunzione come di consueto, è molto meglio per mantenere tutto regolare.

Gli anticoncezionali: metodi ormonali, di barriera o intrauterini, come scegliere il contraccettivo giusto? Quando ricorrere alla contraccezione d'emergenza?

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test