Esami di rito sempre eseguiti compresa la scintigrafia con

Egr. Dr.
Premetto che nell'anno 2008 ho avuto un infarto
antero settale risolto in tempo con 2 stent non
medicati. Il cuore non ha subito danni per il tempestivo intervento da parte dei medici. Da allora
sono in cura con diversi farmaci: Triatec 10,
Seloken100, cardiovasc 10, Eskim 1000, Sereupin
1/2, Crestor 20mg, Esopral 40mg. in
sostituzione con Pantorc 20mg, Cardioaspirina
100mg , Plavix 75mg in sostituzione alla
Cardioaspirina, all'occorrenza Lexotan come rilassante.
Esami di rito sempre eseguiti compresa la scintigrafia con
prova da sforzo e mezzo di contrasto 9 mesi fa
dove non si evidenzia nulla, anzi, non vi è traccia
di ischemia.

Quando si è manifestato l'infarto non ho avuto
sintomi dolorosi, il giorno precedente però ho
avuto una forte tachicardia e pressione alta, forte
angoscia , i sintomi si sono risolti con l'assunzione di Lexotan che mi ha rilazzato eliminando il senso di angoscia.
Il giorno successivo, dall'elettrocardiogramma si evinceva qualche sintomo che ha allarmato il cardiologo il quale mi
consigliava di recarmi al Pronto soccorso, e li,dopo un successivo elettrocardiogramma mi veniva riferito che c'era un infarto in corso.
Risolto come sopra-descritto.

Soffro anche di reflusso grastro esofageo, accertato con gastroscopia, e due calcoli alla cistifellia del diamtro di 2,5cm.
In questi anni, si è verificato spesso la sintomatologia relativa all'angoscia o ansia, ma senza tachicardia e sempre risolta con l'aiuto di Lexotan 10/15 gt, e Sereupin 1/2 compressa.
Circa 6 gg. fa a visita di controllo risultava tutto a
posto anche l'elettrocardiogramma. Il medico mi
consigliava l'assunzione del Plavix invece della CardioAspirina.
Plavix 75mg Ora prescrivibile e di sostiuire il Crestor con il Torvast40mg.
Suggerimento che ho eseguito alla lettera
tranne il Torvast da 40mg , assunto per 6 giorni
ma poi sospeso causa nausea.
Ieri, ho avuto un aumento di pressione 160/90 e
battiti 95/105 con stato di angoscia e senso di
Oppressione improvvisa tant'è che sono rimasto a
letto tutto il giorno. Ho dovuto assumere 15gt di
lexotan e una compressa da 5mg di Carvasin, solo
così mi sono normalizzato. Quello che mi preoccupa sono i sintomi oppressivi dei quali soffro da tempo, a volte a periodi di 4/5 giorni altre a distanza di 1-2 mesi, non capisco se l'ansia possa provocare disturbi simili , basta un leggero
malessere o un piccola fitta di 1 sec. allo sterno,
che a volte mi si scatena lo stato di oppressivo e
a volte un leggero intorpidimento alle mani.
Coincidenza? vuole che tali sintomi li ho avuti il
giorno preceduto dall'infarto. E' possibile sia
riconducibile a stati di ansia?
l valori del colesterolo totale sono: 176, LDL 80,
HDL 35, trigliceridi 288. Ora Normalizzati
{V.Esami)
La pressione arteriosa misurata in pos1z1one
supina normalmente è 125/70, battiti 52
Da 2 giorni è: 145/85 battiti 52.
Premetto che la terapia con Triatec e Seloken è da
sempre suddivisa a metà, mattina e sera.
Credo di avere risolto (individuato) il problema.
Causa farmaci come la Cardioaspirina e Plavix che
possono provocare disturbi gastrici, su
indicazione del medico curante avevo aumentato
la dose del Pantorc 20mg assumendone 2 al
giorno mattino e sera. Questo farmaco ha quasi
annullato gli effetti terapeutici di tutti gli altri
farmaci. Sospeso da 2 gg. i valori pressori e i
sintomi ansiosi si sono normalizzati. Da 2 mesi
circa anche in posizione di riposo accuso dolore
muscolare agli arti inferiori a volte anche leggero
bruciore il tutto associato a stimolo defecazione
•-
- - -
ed a volte problemi a defecare. Spesso testa
vuota e sensazione di cadere.
Con l'aiuto di 1 compressa da 1,5 di Lexotan
spesso i sintomi di cui sopra si attenuano
aiutandomi ad alleviare la tensione.
Di recente Lo specialista cardiologo ha prescritto
lgrotron da 25mg, 1/2 Cp. al giorno. Mentre il
medico curante ha prescritto Alasod Integratore per i dolori muscolari. Per i Calcoli alla Cistifellia assumo da 3 mesi DEURSIL 450.
CPK 110/190.

Il vero problema che mi affligge è un malessere generale che avverto quasi ogni giorno per la durata di 5/6 ore che mi costringe di rimanere a letto. Sento come una forte oppressione allo stomaco quasi vicino al diaframma, durante la crisi ho inappetenza e bocca asciutta. (premetto che soffro di diverticoli) Per alleviare i sintoni sono costretto ad assumero una dose di lexotan cp. da 1,5 a volte devo ripeterla. Credo sia l'unico farmaco a fare effetto. Da 5 giorni assumo anche Alprazolam da 0,25 credo sia inefficace. Ripeto , il vero problema attuale è il malessere sopra descritto che mi costringe a stare a letto, come se avessi una morsa sul petto e stomaco, sento anche una specie di infezione come se avessi i sintomi influenzali ma senza temperatura.
Quali esami posso fare per scoprire le cause?
Grazie
[#1]
Gentile utente,
non è consentito utilizzare più account per inviare richieste di consulto.

Questo utente sarà quindi eliminato.

Cordiali saluti,
staff@medicitalia.it


Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa