Una diagnosi che mi possa almeno instradare sui giusti movimenti

Salve,

vi contatto per un problema che mi affligge da un bel po di tempo: ho dei fortissimi mal di testa che si ripetono periodicamente e provengono principalmente dalla parte frontale della testa includendo la parte riguardante l'occhio, questi mal di testa forti mi portano spesso ad avere dei conati di vomito ed inoltre l'utilizzo di farmaci quali: tachipirina, aulin, oki o aspirina non risolvono o non migliorano l situazione (per l'appunto io non faccio mai uso di farmaci e quindi non ne sono assuefatto).
La cosa che mi mette in difficoltà e potrà rivelarsi un problema riguarda le tante possibilità che potrebbero provocarmi questi mal di testa fortissimi:

Uno dei problemi potrebbe essere:

Cattiva digestione o orari poco definiti:
Ho la cattiva abitudine di mangiare velocemente e spesso solo a pranzo e a cena, inoltre lavorando come libero professionista da casa i miei orari non sono definiti e risultano il più delle volte "sballati".

Alcool o sostanze contenute in alcool e altri cibi:
Ho notato in concomitanza (dell'inizio) di questi forti mal di testa delle diverse reazioni all'alcool: bevendo molti tipi di vino (soprattutto il rosso) il mal di testa si presenta sistematicamente, invece con molti tipi di birra accuso un formicolio alle ghiandole linfonodi sotto l'orecchio. Questo mi fa pensare di essere allergico o intollerante a qualcosa, in merito posso dirvi con certezza che non sono celiaco (in base ad un controllo effettuato un anno fa).
Logicamente il mio consumo di birra e vino è stato azzerato sperando di evitare il più possibile il mio problema, ma i mal di testa continuano a ripresentarsi.

Operazione e cambi di stagione:
Ho sostenuto un'operazione alla mandibola per frattura 5 anni fa e 4 anni fa per rimuovere i supporti che mi hanno permesso di risaldare l'osso, i primi anni dopo l'intervento ho cominciato a notare dei fastidi soprattutto nei cambi di umidità e di stagione, questi forti mal di testa però li sto riscontrando da soli 2 anni.

Per finire vi elenco i risultati delle analisi che ho effettuato ultimamente:

Analisi del sangue

Valori risultati fuori dal range di normalità:
Bilirubina (totale, indiretta e diretta) ---> Totale (range 0-1,2 - valore riscontrato 1,55) Diretta (range 0-0,2 - valore riscontrato 0,39) Indiretta (range 0,1-0,9 - valore riscontrato 1,16)
Linfociti (range 20-50% - valore riscontrato 51,6%)
Granulociti neutrofili (range 2-7,5 - valore riscontrato 1,6)

Helicobacter (feci): Assente
Ecografia addome superiore: Nessuna anomalia

Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione e per le risposte che riceverò.

Spero di ricevere una diagnosi che mi possa almeno instradare sui giusti movimenti e analisi da fare o che possa farmi capire quale possa essere il mio problema.

Un saluto.
[#1]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Lei non può aspettarsi una diagnosi per via telematica: non è lo scopo del Sito.
E' necessario che si rechi da un Neurologo per valutare la natura della sua intensissima cefalea che può riconoscere una miriade di cause, non ultima quella vascolare.
Quindi ne parli con il curante e si faccia fare l'impegnativa. O vada in solvenza.
Il neurologo deciderà poi se debba eseguire una RM encefalica per escludere dubbi diagnostici.
Lei ha un lieve Gilbert e null'altro. Le sue analisi non destano preoccupazione.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve dott. Caldarola e grazie per la risposta, come detto nella mia richiesta non cercavo una diagnosi definitiva o accurata (ci mancherebbe! :) ).
La ringrazio comunque per avermi poi fornito la sua diagnosi (lieve sindrome di Gilbert) e in merito vorrei chiedere delle delucidazioni, a lei o a chiunque può darmi una risposta (che ringrazio anticipatamente).

Informandomi bene sulla sindrome di Gilbert ho notato che i sintomi non rispecchiano quelli da me accusati. Soprattutto il mal di testa non viene molto accostato a questo tipo di sindrome che invece provoca principalmente altri tipi di sintomi.
Una probabilità che considero è invece quella dell'intolleranza all'istamina (rispecchio molti dei sintomi e delle probabili cause).
Quindi vi chiedo: è possibile? O viste le analisi da me già fatte (che sono risultate quantomeno regolari) è impossibile che abbia questo tipo di intolleranza?.

Grazie di nuovo per l'attenzione e per le eventuali risposte.

Un saluto
[#3]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Non le ho mai detto che vi è un nesso tra la sindrome di Gilbert e il mal di testa.
Le ho detto che dalle analisi postate si evinceva una sindrome di Gilbert, che è asintomatica e non comporta alcun danno.

Si rilegga la replica #1 con attenzione, perchè credo di averle dato abbondanti consigli sulla sua cefalea.
Non so a cosa si riferisca quando parla di intolleranza all'istamina: forse vuole riferirsi alla Tirammina che è un'ammina presente in alcuni alimenti e che può scatenare cefalea vascolare in individui predisposti.

Ci tenga aggiornati.
Saluti,
Dott. Caldarola.


Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa