Utente
Buongiorno! Sono un ragazzo di 27 anni..Due anni fa in seguito a episodi di rettoragia feci una colonscopia con esame istologico che riportava "Proctite ulcerosa in fase di severa attività" da allora assumo una supposta di asacol 500 tutte le sere e in 2 anni mai avuto problemi. Quest'anno ho effettuato una colonscopia di controllo che non evidenziava nulla e l'istologico riportava " flogosi cronica in ampolla rettale".
La dottoressa mi disse che in pratica non avevo nulla e che secondo lei avevano amplificato il problema nella prima diagnosi. Ora però è da circa un mese e più che sto avendo problemi nell'andare in bagno con alternanza di feci normali e feci molli, in più prima andavo 1 volta al giorno mentre ora ho una sensazione fastidiosa che mi porta ad andare anche 3 volte. Per sicurezza ho effettuato una calprotectina risultata negativa e PCR e VES anche Sangue occulto.Tutto Negativo!!!!
Perciò non riesco a capire se tutto ciò è da collegare ad un fattore di stress che sto vivendo a causa del lavoro, ad una ricaduta della Proctite (ma dovrebbe esserci sangue e io non ne ho) o alimentazione.
Secondo voi c'è possibilità di errore di diagnosi o non devo più sperarci dopo quello che mi sta succedendo??

Grazie

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Credoo che la Collega avrebbe dovuto limitarsi a valutare il quadro endoscopico senza screditare i colleghi che hanno fatto diagnosi di proctite ulcerosa.
La prova provata è che lei con la mesalazina ha ottenuto la remissione completa.
In più chieda alla collega di spiegarle perchè lei ha all'istologico una "flogosi cronica in ampolla rettale" che spiegherebbe anche i sintomi che adesso riferisce.
La proctite ulcerosa o la malattia infiammatoria intestinale in genere risente molto del fattore stress e questa potrebbe essre la causa della ricomparsa dei disturbi.
Si consulti con un gastroenterologo per valutare se alla terapia con Mesalazina topica non sia il caso di associare un breve periodo di terapia con un cortisonico locale (per esempio il beclometasone) per indurre una remissione completa e continuare poi con la sola mesalazina.
Mi faccia sapere se vuole.

Saluti cari,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Utente
Dottore io chiesi alla dottoressa di spiegarmi questa dicitura e lei mi disse che essa non deponeva per una IBD tipo Rcu e che addirittura dovevo sospendere la terapia e a me sembrò molto strana questa cosa. Anzi mi disse pure che "flogosi cronica" in genere viene riportata in quasi tutte le colonscopie anche di persone sane.
Mi scusi ma io davvero non riesco a essere più sereno con questo problema.

Grazie

[#3]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
La soluzione è molto semplice: vada a visita da un gastroenterologo di nota serietà, porti tutte le "carte" ,e le immagini se le ha, e senta il suo parere.
Io il mio, telematico, gliel'ho fornito.
Di più non poso fare, del che mi spiace molto.
In fondo ha una proctite non un tumore al retto: almeno questo la consoli.
Faccia sapere se vuole.

Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.

Dr. Vincenzo Caldarola