Utente
Sto chiedendo un consulto per mio padre, non posso inserire dati personali per motivi noti, ma
purtroppo ultimamente accusa diversi sintomi, ma non riusciamo a convincerlo ad andare da un dottore (infatti è da molto che non fa analisi del sangue o qualsiasi controllo in generale), per tale motivo chiedo un consulto a suo nome.
Accusa da qualche mese segni di tachicardia nel momento in cui è sottoposto a sforzi principalmente, considerando anche che accusa fitte al cuore, inoltre accusa moltissima sonnolenza: non ha più un orario di sonno definito, dorme a qualsiasi ora, appena si sdraia si addormenta, a qualsiasi ora del giorno e non si sveglia di spontanea volontà, mentre la notte non riesce a dormire bene e la mattina pertanto si sveglia prestissimo.
In quest ultimo periodo è sottoposto a grandissimo stress causato da vari fattori (ma sono una biologa e conosco abbastanza i processi del corpo umano per poter dire che non è solo questo che causa tutto ció, quindi per favore vi chiedo cortesemente una spiegazione scientifica che abbia fondamento).
Oltre a questo ha perso moltissimo peso ultimamente (principalmente nell'ultimo mese).
In famiglia si hanno precedenti di cancro e diabete (lui non ne risulta affetto però) ed è un grandissimo fumatore.
Temo per il peggio e siamo tutti seriamente preoccupati per lui, lavora troppo e inizialmente temavamo fosse una ripercussione del suo lavoro; ora però ci rendiamo conto (essendo un agricoltore lavora principalmente d'estate) che questi sintomi persistono.
Essendo testardo e non volendo vedere un medico, e dato che su internet si trova di tutto, chiedo a voi.
Preciso inoltre che ha subito qualche hanno fa un intervento alle corde vocali per dei polipi (sebbene gli sia stato imposto di smettere ha continuato a fumare); e che due hanni fa si è gravemente fratturato tibia e perone subendo tre interventi.

Vi chiedo ancora una volta un aiuto,
Spiegateci cosa fare e cosa potrebbe causare tutto ció per favore,
Grazie mille, una figlia preoccupata.

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
20% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
suo padre
-fuma, sebbene abbia avuto dei "polipi" alle corde vocali.
-E' un "grandissimo fumatore" e probabilmente portatore di una ateromasia coronarica e dei tronchi sovraortici, nonchè del circolo cerebrale arterioso, che andrebbero accertate e nel caso trattate, onde evitare rischi di infarto e ictus.
-Sicuramente nella migliore delle ipotesi ha una BPCO con un importante enfisema polmonare e desaturazione di ossigeno che giustifica la tachicardia: anche in questo caso si impone il ricorso almeno ad un Ecocardiogramma Color Doppler per verificare diametri camerali e spessori parietali nonchè la continenza delle valvole cardiache.
- Ha una inversione del ritmo sonno veglia che potrebbe essere spia di una encefalopatia vasculo - degenerativa.
-Presenta una perdita di peso non giustificata da una riduzione dell'introito calorico e casi di K in famiglia.
-NON VUOLE RECARSI PRESSO ALCUN MEDICO
-Non è interdetto, qiuindi non si può obbligarlo a fare nulla. A meno di porre in atto la procedura per un TSO che è sempre l'extrema ratio..

Mi chiedo a questo punto a lei, Biologoga, che spiegazione dovrei fornire su basi scientiche non avendo io stesso alcuna base su cui formulare una ipotesi diagnostica, seppure per via telematica.
I latini dicevano che "Ciascuno è artefice del proprio destino": se suo padre ha deciso di non fare alcun esame o lo convincete o prima o poi andrà a finire molto male questa storia.
Scusi la crudezza ma è inutile nascondersi dietro un filo d'erba.
Mi faccia sapere se vuole.

Cari saluti,
Dr. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Utente
Non si preoccupi per la crudezza, anzi La ringrazio molto per il suo aiuto.
La parte in cui affermavo di volere una "spiegazione scientifica" probabilmente non era ben chiara, mi riferivo al fatto che diversi medici dicono che sia lo stress, ma non considero questa una risposta, per tale motivo La ringrazio molto per il suo aiuto.
Cercheremo di convincerlo nel svolgere tutte le analisi per evitare rischi quali ictus e infarto, come da Lei indicato.
Quindi quali esami consiglierebbe di fare?
Grazie mille ancora!

[#3]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
20% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
Innanzitutto è necessaria una routine Ematochimica con particolare attenzione all'Emocromo, alla Funzionalità Renale e agli Elettroliti, a quella Epatica, agli indici di colestasi e al pattern emocoagulativo, integrata da una protidemia totale e da una EFP.
Inoltre non dovrebbe mancare il pattern Lipidico completo e quello marziale (sideremia e ferritina), il dosaggio della B12 e dell'acido folico.
Esame delle urine completo di sedimento.
Per quanto riguarda gli esami strumentali
-Rx del torace in 2P
-Ecocardiogramma Color Doppler
-Holter ECG/24h
-Test da sforzo massimale al cicloergometro o al tapis roulant per evidenziare ischemia inducibile.
-Color doppler dei tronchi sovraortici (carotidi e vertebrali).
-Esame del sangue occulto fecale su tre campioni
-Valutazione neurologica per l'inversione del ritmo sonno veglia: in tale sede il neurologo deciderà se sia necessaria l'esecuzione di una RM encefalica e di una Angio RM del circolo intracranico.
-Ecografia di addome e pelvi a vescica piena con valutazione semi -quantitativa del residuo post minzionale.
Come vede gli esami da programmare sono tanti e devono ovviamente essere condivisi dal medico curante che è il primo punto di riferimento di suo padre.SEMPRE!
La storiella dello stress rimane appunto una storiella fino a dimostrazione del contrario.
Spero per lui che sia disposto a sottoporsi a tutto questo.
Ancorchè sia tutto nel suo interesse le ricordo che nessuno può essere obbligato a eseguire esami o cure contro la sua volontà.
Mi faccia sapere se vuole.

Carissimi saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola