Utente
Salve, da circa 2 anni soffro di problemi legati alla digestione.
Premetto che soffro di stomaco praticamente da sempre, ma per anni sono riuscito a tenere a bada i disturbi, evitando sempre cibi spazzatura.
Tutto è iniziato due anni fa, con un episodio di gastroenterite, da allora non sono più riuscito a risolvere questo problema.
Ho fatto ogni tipo di esame, con risultato ''lieve gastrite e lieve esofagite da reflusso''. Ho provato innumerevoli farmaci, ma sempre con scarsi risultati.
Ho fatto mesi di terapia con Levopraid, Motilex, Motilium, ma non mi risolvono il problema; avverto sempre nausea e pesantezza allo stomaco.
Due settimane fa, ho avuto un altro episodio di gastroenterite, e la situazione è peggiorata ulteriormente.
Attualmente sto assumendo Lucen da 20 al mattino e Levopraid due volte al giorno, ma servono a ben poco. Non riesco più a mangiare come prima, non riesco a mettere peso (sono sottopeso), non riesco a mangiare la sera, perchè, specie la sera mi sento pieno e gonfio.
Non so più cosa fare o a chi rivolgermi. I medici continuano a dirmi che non ho nulla di patologico.
L'unico farmaco che mi da sollievo è il Motilex, ma lo prendo da un anno, spesso solo la sera, per evitare abusi.
Posso continuare in questo stato a vita? Cosa dovrei fare? A chi dovrei rivolgermi per sistemare questo problema?
Esistono dei procinetici naturali simili al Motilex? Sono stanco di ingoiare medicinali su medicinali...

Grazie in anticipo per un eventuale risposta.

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
12% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Salve,
probabilmente è affetto da ipotonia gastrica idiopatica.
E' una patologia che mette in crisi il medico e il paziente: il primo non ha armi farmacologiche efficaci e il secondo sta effettivamente male.
I procinetici migliori sono costituiti dalle Benzamidi Sostituite: Metoclopramide, Clebopride, Alizapride e solo in ultimo questa benedetta Levosulpiride che forse a dosi alte funzionerà come antipsicotico ma a dosi di 25 mg non le serve a nulla.
Se lei assume il Levopraid non può assumere conteporaneamente il Motilex: se quest'ultimo le giova una compressa a pranzo e una a cena non le arrecheranno certo grossi danni: l'unica possibilità è che s' instauri tachifilassi e il farmaco non funzioni più.
Le sconsiglio il Domperidone che ha una attività gastrocinetica molto minore delle benzamidi ed è altrettanto prolattinogeno ( l'Ipofisi non è protetta dalla barriera ematoencefalica e quindi il domperidone blocca la inibizione esercitata dalla Dopamina sulla secrezione di Prolattina).
Nel suo caso non sarebbe inutile uno studio radiologico con Gastrografin dello stomaco per valutare in tempo reale la motilità e la peristalsi del viscere, tanto più che la gastroscopia l'ha già fatta.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Utente
Salve dott. Caldarola. La radiografia l'ho già fatta, e il risultato è stato simile a quello della gastroscopia. Mi sono rivolto a diversi medici, l'ultimo mi disse "le ha provate tutte, non so proprio cosa darle", difatti ormai mi sono quasi arreso a questa condizione. Il domperidone (Motilium) l'ho già provato, ma come con Levopraid, non ho riscontrato risultati. Attualmente ho deciso di mia iniziativa di assumere per un mesetto Levopraid, perché "penso" che rispetto al Motilex sia più "curativo", e dopo questa gastroenterite, ho pensato mi potesse riassettare un po' l'intestino, ma oltre ad un fastidioso calo del libido dopo già una settimana dell'assunzione, non vedo benefici di alcun tipo, mentre con Motilex non riscontro nessun effetto collaterale, ma se smetto di assumerlo, torno punto e accapo. Vorrei prenotare un essimo appuntamento con un altro gastroenterologo, ma cosa può fare? Sto solo spendendo soldi su soldi... e il problema rimane sempre presente.

Se dovessi assumere domperidone, quale farmaco dovrei prendere? Motilium l'ho provato per poco tempo e l'ho mollato quasi subito. Ha gli stessi effetti della Levosulpiride sulla prolattina? Cioè, provoca anch'esso calo del libido?
Mi scuso per le numerose domande ma sono un po' in confusione.

[#3]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
12% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Tutti i farmaci procinetici, sia le benzamidi sostituite che i derivati dell'imidazolo come il Motilium sono prolattinogeni.
Pensi che il motilium viene usato, off label, in alcune ostetricie per favorire la montata lattea.
Che cosa le avrebbe dovuto riassettare la levosulpiride?
Cavallo vincente non si cambia: se si trova bene con la Clebopride (il motilex) la usi, magari a cicli, a pranzo e cena.
Sarà anche un sintomatico ma se la fa stare meglio non è poca cosa.
Almeno fino a quando non si scoprirà una molecola capce di curare l'atonia gastrica e i disturbi conseguenti dobbiamo accontentarci di quello che offre la farmacopea.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola