Utente
Gentile dottore
Scrivo per mia moglie (eta’ 76 peso 66, fibrillazione atriale parossistica benissimo controllata con flecainide, sotalolo e tiklid dal 2007 (non piu’ recidive)). Dieci mesi fa ha avuto un forte stress psicofisico (piu’ psico che fisico) durante e dopo il quale essa era cordiologicamente asintomatica. Per la passata fibrillazione mi sono dotato di un piccolo elettrocardiografo con cui da anni controllo se esistono segni anomali (slivellamenti ST aritmie ecc). Per caso il giorno dopo lo stress era il momento di fare una misura di controllo. Quanto ho visto mi ha portato subito al prontosoccorso in quanto ho visto forti segni di ischemia (inversione delle T in D1 ed AVL)
Al P.S. dopo un ecg di conferma, hanno eseguito un esame enzimatico (leggermante positivo per troponina) e la coronarografia che e’ risultata negativa.
Il giorno seguente gli enzimi sono risultati rientrati nella norma per cui mi hanno consigliato un periodo di prudente attesa.
Il cardiologo che segue mia moglie ha prescritto una prova da sforzo che per quanto e’ stato possibile insistere e’ risultata negativa.

Da allora l’inversione delle T si e’ lentamente positivizzata (in circa 4 mesi) ed ora l’ECG e’ normale (esattamente come prima dell’episodio di stress)
Mia moglie e’ anche adesso asintomatica

La mia domanda e’ : cosa e’ successso?

Grazie molte per la risposta

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
12% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Salve,
è successo che molte cose non tornano.
1) quei giocattolini sono tali, e non garantiscono alcuna affidabilità. Diversamente avrebbero soppiantato i classici elettrocardiografi.
2)Quando è arrivata il P.S. l'ECG basale di sua moglie confermava l'ischemia? Questo è molto importante.
3)Se la coronarografia non ha rilevato patologie a carico dei grossi tronchi e di quelli visibili con la metodica che senso ha fare una prova da sforzo per ischemia inducibile che sicuramente, essendo sua moglie fuori allenamento, non avrà raggiunto nemmeno il massimale previsto per lei?
4)Sua moglie è ancora in terapia con la Ticlopidina: forse sarebbe ora di passare al Clopidogrel, anche per la potenziale tossicità midollare del Tiklid, oltre che per la maggiore eficacia.
5) Può essere avvenuto che lo stress abbia slatentizzato una compromissione del microcircolo cardiaco, quello che non si vede con la coronarografia ma è di grande importanza nella nutrizione del cuore: a questo punto l'esame più indicato sarebbe stata una scintigrafia perfusionale basale e dopo stress test farmacologico e non certo uno sforzo massimale.
6) Se vi siano problemi del microcircolo può essere utilmente messa in terapia la Ranolazina, che ha azione sul microcircolo coronarico ed è molto ben tollerata.
Ciò è quanto le posso dire senza vedere la paziente e per via telematica.
Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta.
L'ecg al P.S. denunciava ischemia come risultava dal giocattolino.
Chiedo se dopo tutti questi mesi e' ancora possibile continuare l'indagine tramite scintigrafia.
Per quanto riguarda la cura la proporro' al cardiologo di mia moglie
Ancora molte grazie per la solleccitudine e la profndita' del consulto

[#3]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
12% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Salve,
una scintigradia perfusionale basale e sotto stress test farmacologico la può fare quando vuole.
Spero che il Collega prenda in seria considerazione la Ranolazina perchè credo che il microcircolo di sua moglie se ne gioverebbe molto. E il passaggio al Clopidogrel.
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio moltissimo per i suoi consigli
Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
12% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Di nulla!
Cari saluti,
Dott.Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola