Utente
Salve, scrivo per avere un'opinione su questa cosa che mi sta abbastanza tormentando... Premetto che da fine 2015 sono abbastanza tendente all'ansia dopo alcuni eventi..

Specie ad inizio 2016 ho avuto attacchi di panico, ansia un po' tutto il giorno, sensazione di mancanza d'aria; Tutto ciò mi ha portato in Pronto soccorso varie volte dove sono stato sottoposto a Rx torace, ascultazione polmoni, ecografia addome, svariati prelievi di sangue, elettrocardiogramma, endoscopia da parte di un otorinolaringoiatra.. Tutti questi esami hanno dato risultati negativi, proprio niente di niente...tutti piú o meno intorno a febbraio/marzo 2016..

Ora il mio fastidio, sembrerebbe provenire esattamente sotto l'incrocio tra scapola destra esterno.. È come una sensazione di formicolio/ muco o saliva fermi li... Che mi costringe a schiarirmi la voce/ tossire nel tentativo di liberarmi.. cosa che non avviene (o avviene per un secondo dopodiché sono da capo) ed il fastidio continua...

Ho smesso di fumare (anche sigarette) a fine 2015, dopo quel periodo di ansia/ipocondria, sono passato all'elettronica con tutti i benefici derivati, ma quel punto é come se fosse rimasto più sensibile, mi da fastidio in inspirazione del fumo e la sensazione di formicolio descritta prima.. Non ho catarro in quantità

Cosa devo pensare?

In un precedente consulto è stata proposta un origine muscolare, é possibile?

È possibile che anche questo sintomo sia di natura ansiosa?

Grazie in anticipo, chiedo perdono per la lunghezza della domanda

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
sempre prima di parlare di genesi ansiosa dei sintomi, è necessario escludere che non vi sia una base organica a sostenerli.
E' probabile che una componente muscolare o muscolo - scheletrica possa giocare il suo ruolo nella genesi del dolore.
Ma dal momento che lei parla di catarro è auspicabile che si faccia valutare auscultatoriamente da un medico, che può essere il curante, un fisiatra od uno pneumolgo.
I medici di base esistono anche per orientare i pazienti nella scelta del più opportuno specialista.
Io per via telematica posso formirle solo informazioni generali.
Per esempio quella di smettere anche di fumare la e-cig: la nicotina non giova al suo apparato cardiovascolare da qualunque fonte provenga; inoltre i componenti per "fare" il fumo simulato (glicole etlenico e glicerolo) devono essere portati ad alte temperature alle quali si scompongono in sostanze irritanti per le mucose respiratorie.
Questo dicono gli studi. La sigaretta fa male in ogni sua forma.
E questo è quanto posso scrivere nel suo interesse.
A lei la decisione.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Utente
In realtà ho scritto che di catarro non ne ho proprio..

[#3]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente
"È come una sensazione di formicolio/ muco o saliva fermi li... Che mi costringe a schiarirmi la voce/ tossire nel tentativo di liberarmi.. cosa che non avviene (o avviene per un secondo dopodiché sono da capo) ed il fastidio continua... "
Non leggo da nessuna parte NON HO CATARRO.
Farsi auscultare da un medico non è del resto la fine del mondo: per cui le reitero il mio consiglio.
E la saluto caramente.
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola