Utente
Buongiorno Dottore;
è da due/tre mesi che ho in linfonodo palpabile in zona nuca all'altezza dell'orecchio vicino al centro del collo che non diminuisce, del quale me ne sono accorto casualmente. Sembra essere attaccato a un nervo perché non si muove. Al tatto mi da l'impressione di essere duro.
Poi ho anche prurito dietro al collo proprio nella zona del "linfonodo". Le dimensioni mi sembrano abbastanza piccole. Non so molto bene come comportarmi.... secondo lei un'ecografia potrebbe essere utile? Sono leggermente preoccupato perché ho avuto un'amico che si accorse anche lui di avere un linfonodo nel collo gonfio che poi si scoprii essere un linfoma non hodking....
Grazie per la sua risposta.
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve,
se una rondine non fa primavera un amico che ha sviluppato un LH di cui si è accorto toccandosi una tumefazione linfonodale sicuramente con caratteristiche sospette non deve indurla a pensare che tutti i suoi linfonodi aumentati di volume siano linfomatosi.
Innanzitutto va capito se quello che lei definisce un linfonodo sia veramente tale o altra lesione.
E questo è compito di un medico e non suo. Quindi in primis le consiglio di ricorrere al suo curante.
Una ecografia non solo della lesione descritta ma di tutte le comuni sedi di repere linfonodali è senz'altro utile se fatta da un bravo ecografista, soprattutto ai fini della sua tranquillità personale.
Mi faccia sapere se vorrà.
Un cordiale saluto.
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la sua risposta!
Allora farò un'ecografia... ma lei la consiglia su tutto il collo oppure solo sul lato posteriore? Comunque al tatto sembra di dimensioni ridotte tanto che a occhio nudo non si nota anche perché coperta dai capelli.... forse non è nulla di che?

[#3] dopo  
Utente
Mi scusi! Un ultimo dubbio e non la disturbo più.... da mesi ho del reflusso che mi causa bruciore alla gola... potrebbe essere questa la causa del linfonodo ingrossato se di linfonodo si tratta?

[#4]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve,
faccia l'ecografia al collo, in sede sopraclaveare, alle ascelle e agli inguini.
Il reflusso di cui riferisce non ha assolutamente nessuna relazione con il linfonodo ingrossato.
Un cordiale saluto,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#5] dopo  
Utente
Grazie veramente, la aggiornerò sull'esito dell'ecografia.
Cordiali saluti

[#6]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Di nulla e a presto.
Un cordiale saluto.
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#7] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore;
Ho effettuato l'ecografia al collo. L'esito è il seguente:
L'immagine ecografia del collo ha dimostrato che la tiroide è regolare per dimensioni, morfologia, ed eco struttura.
In sede laterocervicale e sotto-retromandibolare, bilateralmente, sono apprezzabili delle immagini linfonodi a carattere reattivo del diametro massimo di 20mm a dx.
In sede nucale, nel sottocutaneo, sono apprezzabili immagini linfonodi simili, ma di dimensioni inferiori, la maggiore, del diametro massimo di 12 mm a dx.
Alla fine da questa ecografia sembra non ci sia niente di che.... però ho anche delle fitte sul petto e nell'addome.... che forse non c'entrano nulla? Secondo lei dovrei fare altri esami?
Grazie mille!
Cordiali saluti

[#8]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve,
per eccesso di zelo, e se il suo medico Curante è d'accordo:
1) Valutazione immunosierologica della Mononucleosi
-anti vca IgM +IgG quantitativo
-anti EBNA IgG quantitativo
-EA-D IgG quantitativo.
2) Valutazione immunosierologica di infezione da Citomegalovirus
-anti CMV IgM+IgG quantitativo.
3) Valutazione immunosierologica per Toxoplasmosi:
-anti Toxo IgM + IgG quantitativo.
Emocromo,
I linfonodi descritti sono sicuramente reattivi, ma potrebbero essere reattivi alle prime due infezioni virali o alla terza infezione protozoaria.
Mi faccia sapere se vorrà.
Un caro saluto,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#9] dopo  
Utente
Grazie mille dottore! Grazie veramente per le sue risposte sempre esaustive. Però io sinceramente mi vergogno di andare dal curante un'altra volta...
E se lascio stare tutto.... e tengo solo sotto controllo il linfonodo che non cresca? Però volevo chiederle un ultima cosa... in internet si legge che se si ha un linfonodo duro e non mobile da mesi è molto probabile che si tratti di qualcosa di patologico... allora coma mai in ecografia il linfonodo risulta ugualmente reattivo? Un linfonodo per essere patologico che caratteristiche deve avere quindi? P.s È solo una mia curiosità per il futuro in modo da non preoccuparmi per niente. La ringrazio ancora per il suo tempo dedicatomi

[#10]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve,
non vedo ragioni per vergognarsi di andare dal medico per proporgli delle analisi del tutto lecite.
Non deve neanche scrivere fa tutto il computer mentre lui sta immobile e gira la poltrona.
Se vuole tenere sotto controllo il linfonodo può farlo ma senza che questi le generi un disturbo ossessivo-compulsivo a causa della linfoadenomegalia.
Il linfonodo va palpato: che sia immobile e apparentemente duro può dipendere dai rapporti anatomici che ha instaurato con le strutture sottostanti e sovrastanti che potrebbero essere fibrotiche ed imprigionarlo rendendolo non mobile e apparentemente duro.
Mi pare che abbia fatto per l'ecografia,che è tranquillizzante.
Un saluto cordiale,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#11] dopo  
Utente
Perfetto allora. Grazie ancora del tempo dedicatomi.
Arrivederci

[#12]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Di nulla!
Buona domenica.
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola