Fame d'aria

Buongiorno Gentilissimi Dottori,
sono un ragazzo di 20 anni, frequento l'università, pratico molta attività fisica, non fumo, non faccio uso di alcolici.
Da settimana scorsa ho iniziato a soffrire di alcuni episodi abbastanza fastidiosi di cui non riesco a capire la causa.
Tutti gli episodi sono molto simili tra loro e ognuno ha inizio con una sgradevole sensazione di fame d'aria (nello specifico avverto la sensazione che il mio respiro non sia sufficiente per riempire i polmoni e "soddisfare il mio bisogno di ossigeno" e la sensazione di avere una grossa fascia elastica attorno al torace che mi comprime i polmoni e mi costringe a dover respirare molto più intensamente del normale per poterli riempire adeguatamente). In seguito, iniziano a sommarsi alla sensazione di fame d'aria tutta una serie di altri disturbi: sensazione di tensione ai muscoli del torace e sensazione di irrigidimento e indolenzimento dei muscoli della schiena e della parte posteriore del collo; dolori diffusi e intermittenti alla testa, specialmente nella zona posteriore e laterale; sensazione di stordimento, intontimento, disorientamento e lieve nausea; sensazione di battito cardiaco intenso, martellante nel petto, ma non di frequenza elevata (ho provato più volte a misurarne la frequenza durante questi episodi e questa si aggira sempre intorno ai 100/120 bpm); sensazione di stomaco gonfio; frequente bisogno di eruttare; sensazione di fastidio e lieve dolore nella zona della bocca dello stomaco; sensazione di bocca e gola secca.
Questi episodi esordiscono sempre nel tardo pomeriggio (anche se oggi, stranamente, ho sofferto di uno di questi poco dopo essermi alzato dal letto) e hanno una durata di circa un'ora da quando inizio ad avvertire la sensazione di fame d'aria a quando il resto dei disturbi che ho elencato prima inizia ad alleviarsi. La sensazione di fame d'aria, però, tende quasi sempre a rimanere (anche se in forma un po' più lieve) o a ripresentarsi in modo intermittente anche dopo che il resto dei disturbi si è alleviato. Inoltre, ho notato che questi episodi si presentano indipendentemente dalle attività che sto svolgendo, per esempio due volte si sono presentati intorno a metà/fine allenamento di pesistica, una volta sul treno mentre rientravo a casa, una volta dopo essermi fatto la doccia, stamattina dopo essermi svegliato.
Vorrei sapere da Voi esperti a che cosa potrebbe essere dovuto tutto ciò.
Cordiali Saluti.
[#1]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Salve,
la sua sintolmatologia è tipica degli attacchi di panico e comunque di una sindrome ansiosa generalizzata.
E' altresì tipica anche la sensazione di non poter riempire i polmoni in modo "soddisfacente" il che la porta a iperventilare, andare in alcalosi respiratoria e questo favorisce poi lo scatenamento dell'attacco di panico con tutti i sintoni che descrive.
Con i limiti del consulto telematico l'idea che ci si può fare della sua sintomatologia è questa.
La terapia è quindi la cura dell'ansia, da affidare ad uno Psichiatra, con idonei farmaci, che le restituirà una qualità di vita degna della sua giovane età.
Cordialità.
Caldarola.
[#2]
dopo
Utente
Utente
Buonasera Gentilissimo Dottore,
La ringrazio davvero molto per la tempestiva ed esauriente risposta. Seguirò i suoi consigli e cercherò di essere più sereno e tranquillo e di non preoccuparmi troppo!
Cordiali Saluti.

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa