Utente
Buon pomeriggio a tutti,sono una ragazza di 20 anni e da qualche mese ho una tosse persistente che il mio medico ha diagnosticato come asma allergica.Comincio dall'inizio:da bambina ho sofferto di bronchite asmatica, praticamente dalla nascita fino a 6-7 anni;poi questa si è allontanata fino a scomparire del tutto,tutto ok fino a pochi mesi fa(esclusi comuni episodi influenzali).La primavera scorsa più o meno verso marzo si presenta una tosse secca,fastidiosa,con lievi difficoltà a respirare,inizialmente trascurata;dopo quasi un mese persiste,allora mi rivolgo al mio medico curante.Inizialmente mi viene diagnosticata una tracheite curata con 1 settimana di antibiotici,dopo gli antibiotici la tosse sembrava essersi calmata, ma poi ricomincia peggio di prima; altro consulto medico, altra settimana di antibiotici ma niente da fare. A questo punto il medico mi dice che dato il periodo in cui è comparsa la tosse, la sua resistenza agli antibiotici,la recidiva di asma bronchiale avuta da piccola e le difficoltà respiratorie associata alla tosse,potrebbe essere asma allergica stagionale.Il mio med mi prescrive 10 giorni di aerosol tre volta al giorno e un antistaminico la sera; in seguito sostituisce l'aerosol co inalatori spray,aircort(due puff mattina e sera)e ventolin(in caso di forti crisi); con questa terapia comincio a sentirmi molto meglio e vado avanti così per tutta l'estate fino ai primi di settembre. A settembre sospendo tutto, la tosse era ormai ridotta a eventi sporadici, molto lievi,ma a questo punto il mio med vuole vederci chiaro,mi prescrive esami diagnostici:prick test e spirometria.A dicembre poco prima di natale,il 22 avevo l'appunt dall'allergologa per il prick, ma una settimana prima, ricomincia la tosse, il mio med non mi prescrive cortisonici per via del test che dovevo fare,mi dà degli antibiotici(per la solita tracheite) ma dicendomi che non avrebbe risolto il problema.Dal prick risulta una debole allergia al pelo di cane(ho un cane da 8 anni, il mio medico mi consiglia di allontanarlo da casa), intanto la tosse persiste l'allergologa mi consiglia:prist, rast e test di broncostimolazione alla metacolina; intanto il mio medico mi dà una nuova terapia:aerosol(clenil e breva),antibiotici(prima amoxcillina,poi cefadril), antistaminico(formistin),una puntura al giorno di Urbason( credo sia cortisone); durante questa terapia la tosse diventa più grassa provocandomi bruciore al petto e al torace nel tossire; a fine terapia la tosse scompare quasi del tutto ma ancora oggi persiste naso chiuso ed espettorato.Stamattina mi sono svegliata con un dolore fortissimo lancinante(come una pugnalata) nella parte posteriore del torace, cominciato proprio tra le spalle e divapato in tutta la schiena,il dolore aumentava all'inspirazione, per fortuna è durato pochi minuti,poi mi sono alzata dal letto, messa in piedi ed è andato via quasi subito( ho già avuto questo tipo di dolore toracico ma non così forte; il mio medico non ne è accorrente).Ora mi chiedo può darsi che questa volta la mia tosse non sia dovuta all'asma ma ad un'infezione polmonare o qualocosa del genere, visto il dolore toracico e l'espettorato(preciso:verdognolo)? è forse il caso di aggiungere ai miei esami un rx al torace?Il mio medico ha sempre dettoche le spalle sono libere e non ha mai voluto prescrivermi l'rx.Preciso che non ho mai avuto febbre solo molta stanchezza e disordine generale, spesso mal di testa.Grazie anticipato.

[#1]  
Dr. Vincenzo Martino

40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, in base alla sua sintomatologia prottatasi per così lungo tempo, ritengo che una radiografia del torace sia comunque d'obbligo, vista l'insorgenza anche di tosse produttiva. Effettui pure delle analisi del sangue con valutazione dei principali parametri e della funzionalità tiroidea.
Cordialmente,
Dr. Vincenzo MARTINO

[#2] dopo  
Utente
Egr.Dr Martino, innanzitutto la ringrazio per la tempestiva risposta;cmq circa un anno fa ho fatto gli esami del sangue per la tiroide,è risultato tutto nella norma.Preciso che a consigliarmeli fu il mio oculista,mi ero rivolta a lui perchè avevo piccoli problemi alla vista e in particolare, un occhio più chiuso dell'altro, insomma un'asimmetria tra i due.L'oculista mi diagnosticò un pò di stanchezza e una leggera ipermetropia, mi diede degli occhiali da usare solo nella lettura, al computer,davanti alla tv,e per quell'asimmetria degli occhi mi consigliò degli esami per la tiroide;come ho già detto risultati nella norma.Mi scusi se approfitto della sua disponibilità ma a questo punto mi chiedo c'è una relazione tra problemi alla tiroide e i miei sintomi? A distanza di un anno è opportuno che io ripeta quegli esami?devo parlare al mio medico dei dolori al torace affinchè si convinca a farmi fare un R.X.?

[#3]  
Dr. Vincenzo Martino

40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Per la prescrizione della radiografia del torace, dovrà necessariamente parlare con il suo curante, riguardo alla tiroide, talora se tale ghiandola risulti ingrossata può dar luogo a tosse per compressione tracheale, una semplice visita con palpazioone del collo potrebbe escludere facilmente questa mera ipotesi.
Saluti
Dr. Vincenzo MARTINO

[#4] dopo  
Utente
Egr. Dr Martino, la ringrazio per i chiarimenti e i consigli,intanto domani ho il test di broncostimolazione, in ospedale,poi casomai seguirò anche il suo consiglio riguardo la visita alla tiroide.Se vuole le farò sapere com'è andata!Cordiali saluti e ancora grazie!

[#5] dopo  
Utente
Egr.Dr Martino,mi scuso per il ritardo ma volevo informarla dei risultati dei miei ultimi esami.Beh c'è da dire che il mio medico avevo in gran parte azzeccato la diagnosi;allora, il test alla metacolina è risultato positivo e la diagnosi recita:"il test di provocazione alla metacolina evidenzia una iperreattività bronchiale marcata", mentre il prist e rast del sangue è risultato debolmente positivo all'alternaria tenius(non so che sia, mi hanno detto una muffa).cmq ora il mio medico mi ha prescritto una nuova terapia, mi ha definita un soggetto atopico con asma bronchiale(marcata)con componente allergica e ha detto che probabilmente non andrà più via.Beh d'altra parte moltissime persone convivono con questa malattia e lo farò anche io, basta avere molta pazienza.La ringrazio e la saluto cordialmente!