Utente 463XXX
Salve,
Sono una ragazza di 25 anni e da un po' soffro di dolori alla pancia. Tutto è iniziato a febbraio con dolori alla bocca della stomaco che sono regrediti fino a scomparire nel giro di una settimana, il mio medico ipotizzò con palpazione che si trattasse di forte meteorismo.
Dopo circa un mese ho iniziato ad avere problemi intestinali. Tutte le mattine andavo in bagno facendo diarrea e la sensazione di dover evacuare. Nel pomeriggio passava tutto per poi ripresentarsi la mattina seguente e via dicendo fino a maggio. A maggio ho iniziato ad avere gorgoglii intestinali, con forte meteorismo e la necessità di espellere gas continuamente. Dopodiché la diarrea passa, vado regolarmente in bagno ma con costanti crampetti addominali, gorgoglii, flatulenza. Ho alternato periodi di stipsi e feci più molli.
Ho fatto ecografia addome completo e tutto risultava nella norma, eccetto una lieve dispepsia e la colecisti un po' pigra, assenza di calcoli. La dicitura è la seguente: colecisti in sede, a pareti regolari,alitiasica. Volumetria della colecisti sulla media di tre misurazioni 9cc. Vie biliari intra ed extraepatixhe non ectasiche. Reni in sede, nei limiti morfovolumetrici. Conservato lo spessore parenchinale con discreta differenziazione cortico-midollare. Bilateralmente non visibilità di calcoli ecograficamente apprezzabili e di segni riferibili ad ectasia del sistema escretire calico-pielico. Dalle analisi del sangue poi risultavano i globuli bianchi alti.
Più di un mesetto fa ho accusato un forte dolore dalla schiena altezza dei reni che si spostava lateralmente fino al lato destro della pancia. Ho sospettato appendicite. Mi hanno portato al pronto soccorso dove hanno escluso l'appendicite nonostante i globuli bianchi fossero nuovamente alti. Mi hanno solo dato degli antidolorifici. Mi sono state prescritte prescritte poi dal medico analisi del sangue ancora, antibiotico, debridat, analisi delle feci sangue occulto per tre volte, hp nelle feci e calpotrectina fecale. Le analisi sono uscite nella norma, i globuli bianchi di nuovo nella norma non più alti. Sangue occulto assente. Calpotrectina invece 80, il valore massimo riportato dalle analisi era 60. Ho fatto anche l analisi per la celiachia, risulta assente. Dovrò fare anche il breath test ed eventualmente colonscopia. Adesso sto accusando dolori alla schiena, lato destro, specificamente leggermente più basso della scapola che spesso si estende fin giù. Da internet leggo che potrebbe essere colon irritabile, colecisti, appendicite, calcoli ai reni. Non so più cosa pensare. Il dolore è a intermittenza, ci sono momenti di dolore più acuto, spesso aumenta facendo respiri profondi o quando distendo la schiena in avanti. Potrebbe trattarsi di appendicite o colecisti? O potrebbe trattarsi di sindrome del colon irritabile? Ho paura che colecisti e appendicite possano rompersi e non rendermi conto se è questo tipo di dolore che porta.
Grazie per la risposta

[#1]  
Dr.ssa Vincenzagiulia Luppino

20% attività
4% attualità
0% socialità
ERICE (TP)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2018
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
il suo quadro clinico, con tutti i limiti di un consulto a distanza ovviamente, sembra deporre per una sindrome da colon irritabile.
Tuttavia, data anche la presenza in più prelievi di globuli bianchi elevati (non ci dice però quanto elevati) e data la comunanza di sintomi fra diversi quadri clinici, è necessario per scrupolo escludere che possa trattarsi di una malattia infiammatoria del colon, per cui le consiglio di rivolgersi al suo medico curante per rivalutare nuovamente il quadro clinico alla luce degli esami effettuati, ed eventualmente programmare insieme una colonscopia se ritenuto necessario dal suo curante che, avendo la possibilità di visitarla e conoscendo la sua storia clinica, è indubbiamente la persona più indicata per prendere decisioni in merito.
Saluti,
Dr.ssa Vincenzagiulia Luppino

[#2] dopo  
Utente 463XXX

Innanzitutto grazie per la risposta. I globuli bianchi erano 17 e il valore normale era 10. Ma ho pensato fosse dovuto alla cistite avuta qualche giorno precedente e non curata. Tra l'altro dopo l'assunzione di antibiotico i valori sono usciti normali. Ho fatto anche l'analisi delle feci, per il valore della calpotrectina che è positiva, il valore è di 80 per un massimo di 60. Il medico ha escluso malattie più importanti, come tumore, perché gli altri valori erano normali e in più ho fatto l'analisi del sangue occulto per tre volte ed è risultato negativo. Quindi mi è stato detto che si tratta di un'infiammazione. L'infiammazione può essere dovuta al colon irritabile? O l'infiammazione riguarda solo morbo di crohn e altre malattie? A fine agosto farò una colonscopia, nel frattempo in questo periodo non so come comportarmi dato che sarò una settimana fuori e in questi giorni ho una forte nausea e crampi alla pancia. Questi due sintomi sono associati sempre alla sindrome del colon irritabile?