Utente 494XXX
BUONGIORNO,
SONO UNA DONNA DI 44 ANNI E IL 3 GIUGNO 2009 HO FATTO GLI ESAMI DI ROUTINE, I VALORI QUASI TUTTI NORMALI TRANNE:
ESAME EMOCROMOCITROMETRICO MCV VOLUME CELLULARE MEDIO 100,06
FERRO 160
URINE PH 7.0 ESTERASI LEUCOCITARIA 70 LEUCOCITI 284
IL MIO MEDICO MI HA DETTO CHE NON ERANO VALORI SIGNIFICATIVI QUINDI NON MI SONO PREOCCUPATA PIU' DI TANTO

IL 20 DI AGOSTO COMINCIATO AD AVERE UN GRAN MAL DI TESTA E LA TEMPERATURA 37,2 - 37,3 PREMETTO CHE NON SOFFRO QUASI MAI DI MAL DI TESTA E LA MIA TEMPERATURA NORMALE E' 35.

HO CHIAMATO IL MIO MEDICO E, VISTO CHE ERO IN VACANZA IN MONTAGNA, MI HA DETTO CHE IL MAL DI TESTA POTEVA ESSERE LA PRESSIONE, PROVATA LA PRESSIONE NELLA PRIMA FARMACIA MIN.90 MASSIMA 120, HO PENSATO DI AVER AVUTO UN ATTACCO DI CERVICALE.
HO CONTINUATO AD AVERE SEMPRE IL MAL DI TESTA, QUALCHE LINEA DI FEBBRE E UN SENSO DI SPOSSATEZZA FINO A SABATO SCORSO, QUANDO LA FEBBRE MI E' SALITA A 38,3
LUNEDI SONO ANDATA A FARE GLI ESAMI DEL SANGUE DELLE URINE E UN TAMPONE ALLA GOLA.
QUESTI SONO I RISULTATI:

V.E.S. 1^ORA 40MM 2^ ORA 80MM INDICE DI KATZ >40

TRANSAMINASI GO (AST) (ALT) >66

LATTICODEIDROGENASI (LDH) >463

PROTEINA C REATTIVA >1.8 MG/DL

EPSTEIN-BARR VIRUS ANTICORPI IGG >2.5 IGM >0.6

AC. ANTI- TOXOPLASMA IGG POSITIVO IGM NEGATIVO
AC. ANTI-CITOMEGALOVIRUS IGG NEGATIVO IGM POSITIVO

TAMPONE FARINGEO STAFILOCOCCUS AUREUS (RARISSIME COLONIE) STR. ALFA -EMOLITICI
URINE PROTEINE +- 20 TAPPETO DI BATTERI OLTRE 40 LEUCOCITI PER CAMPO
--------------------------------------
IL MIO MEDICO MI HA DETTO CHE HO PRESO UN VIRUS CHE COLPISCE IL FEGATO E MI HA PARLATO DI EPATOPATIA (PAROLA CHE MI HA UN PO' ALLARMATA)
MI HA CONSIGLIATO RIPOSO E DI RIFARE GLI ESAMI DOPO QUALCHE GIORNO.
IERI, OSSIA VENERDI, HO RIFATTO GLI ESAMI SOLO DEL SANGUE MA I RISULTATI NON SONO CAMBIATI.
QUINDI, MI HA CONSIGLIATA DI FARE UNA ECOGRAFIA AL FEGATO CHE FARO' LUNEDI' MATTINA E RIPERE GLI ESAMI VENERDI
IL MEDICO NON MI HA PRESCRITTO NESSUNA CURA NESSUNA MEDICINA NESSUNA DIETA ALIMENTARE SONO UN ANTIDEPRESSIVO CHE CREDO CHE SIA SOLO PER ALLEVIARE AD UNA SINDROME FIBROMIALGICA

QUELLO CHE CHIEDO CORTESEMENTE E SAPERE: HO CONTRATTO UN VIRUS CHE POI PASSA? SONO CONTAGIOSA? HO DELL'ALTRO CHE IL MIO MEDICO NON MI DICE? E' UN'ALTRA DI QUELLE SINTOMATOLOGIE SENZA SOLUZIONE COME QUELLE CHE HO AVUTO IN PRECEDENZA, PARLO DELLA SINDROME FIBROMIALGICA, DELLA BOCCA URENTE, DEI RASH CUTANEI?
GRAZIE IN ANTICIPO A CHIUNQUE VORRA' RISPONDEMI
CORDIALI SALUTI.

[#1] dopo  
Dr. Ettore Vallarino

28% attività
0% attualità
12% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
L'elevazione delle transaminasi, se invariato in due successivi controlli, non è tipico di una "epatite acuta" virale, in cui i valori sono, di solito, molto più elevati. Con tutto ciò si può trattare di una epatopatia che va comunque indagata, e quindi sono opportuni gli accertamenti suggeriti dal Suo medico. Può eventualmente consultare un infettivologo ed un gastroenterologo. Cordiali saluti
http://www.medicitalia.it/ettorevallarino

[#2] dopo  
Utente 494XXX

egregio dottore,
prima di tutto grazie per avermi risposto.
si domani faro' un'ecografia al fegato e venerdi ripetero' l'esame del sangue.
e probabilmente seguiro' il suo consiglio di sentire un infettivologo e un gastroentereologo.
il fatto, però, che lei mi dica che sia un epatopatia da indagare non mi tranquillizza molto.
devo pensare che si tratte di qualche cosa di poco piacevole?....o di grave?
cordiali saluti

[#3] dopo  
Utente 494XXX

EGREGIO DOTTORE,
MI PERMETTO DI DISTURBARLA ANCORA PER CHIEDERE UN PARERE.
SONO APPENA TORNATA DALL'ECOGRAFIA E LE SCRIVO I RISULTATI:
FEGATO MODICAMENTE INGRANDITO, FIBROSTEATOSI DI GRADO LIEVE, SENZA LESIONI FOCALI, VBI E VBP NON DILATATE. COLECISTI SENZA CALCOLI. AVSP, PANCREAS E MILZA REGOLARI.

GRAZIE PER LA CORTESE ATTENZIONE.
CORDIALI SALUTI.

[#4] dopo  
Dr. Ettore Vallarino

28% attività
0% attualità
12% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
E' possibile che le alterazioni biochimiche siano attribuibili alla steatosi epatica, infiltrazione grassa del fegato. Indagare non significa necessariamente ci sia qualcosa di serio o preoccupante, ma semplicemente che è necessaria una diagnosi per capire di cosa si tratta. Cordiali saluti
http://www.medicitalia.it/ettorevallarino

[#5] dopo  
Utente 494XXX

SI MI SCUSI, HA SENZ'ALTRO RAGIONE. FARO' SICURAMENTE COME CONSIGLIATO.
HA POTUTO VEDERE IL RISULTATO DELL'ECOGRAFIA? SE SI' COSA NE PENSA?
QUANDO DOVREI RIFARE GLI ESAME DEL SANGUE PER VERIFICARE SE C'E' UN MIGLIORAMENTO?
CORDIALI SALUTI