Utente 745XXX
Buongiorno gentili medici,
ho 20 anni e da lunedì mattina ho una forma influenzale caratterizzata da febbre oscillante tra 38° e 39°, dolori osteoarticolari, catarro, tosse e gola arrossata, cefalea, spossatezza ed astenia. Ho assunto paracetamolo 3 volte al dì, e acetilcisteina, avendo cura di rispettare la posologia di entrambi. Questa mattina ho 37° e sembra che l'influenza sia stata quasi debellata, anche se l'astenia perdura. Non essendo riuscita a mettermi in contatto con il mio medico di base in questi giorni, volevo chiedere: 1) nel caso la febbre si rialzi, continuo con la tachipirina e in generale con la terapia che ho messo in atto? 2) per facilitare la mia guarigione ed alleviare la sintomatologia, in caso di febbre bassa e persistenza di sintomi reumatici e algie, posso assumere aspirina ?
ringrazio in anticipo per la risposta!
Buone feste

[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci

28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
LAURIA (PZ)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente, lo stato di debolezza andrà via dopo un pò di tempo. Se persistono dolori ed un pò di febbricola può assumere l'aspirina dopo i pasti, da preferire al paracetamolo ( se non si hanno problemi di gastrite o ulcera). Mangi cibi semplici e frutta fresca.Consulti il suo medico se la febbre dovesse persistere ancora. Buone feste anche a lei.
Dr. Oreste Pascucci
orestepascucci@virgilio.it