Utente 236XXX
Salve, ho 51 anni, da circa 30 giorni ho febbre tra 37 e 37,5, raramente con punte di 38. Contestualmente dolori alle gambe (ginocchia e anche a livello tendineo) e alle braccia (difficoltà a sollevarle) che a riposo non sento, ma ai movimenti sento dolore come camminando. Al mattino aumentano, durante la giornata vanno a diminuire; la febbre invece è ballerina e non segue "orari"!. Tutto è cominciato un 2 mesi fa circa con un dolore al gin dx che aumentava sempre più, ma si alternava a periodi di silenzioad altri di fastidio/dolore. Premetto che al gin dx, 22 anni fa, ho subito un intevento di ricostruzione di LCA, ma fino ad ora nessun problema. Sono andato dall'ortopedico, fatta RX e RMN, responso: non esiste più il LCA, menisco rotto, assottigliam cartaligini, una calcificazioni...un gin messo male OK! All'epoca della visita (17 maggio 2012) non avevo ancora i sintomi descritti prima così netti!.
Dopo averne parlato con il mio medico ho fatto qualche esame del sangue. Sono risultati alti la PCR 2,43 - i C3 e C4 161 e 39 e le MUCOPROTEINE a 204. Neg VES, REUMA TEST e CITRULLINA. Continuando i sintomi: RICOVERO il 31 maggio. Ho fatto di tutto: TAC BODY, RX TORACE, ECOCARDIO, GASTROSCOPIA con biopsie, COLONSCOPIA, varie ECOGRAFIE, visita UROLOGICA, URINE e URINOCOLTURA, TUTTO NEGATIVO!! Poi varie analisi del sangue dove è emerso difforme:
LATTATO (LDH) 706;
PCR 4.17;
C3 179;
C4 43;
Vitam B12 128;
FOLATI 56;
VES 48;
FIBRINOGENO 600.
Tutto il resto negativo: Anticorpi (ANTI NUCLEO - TPO - ATA) - CITRULLINA, Fatt REUMATOIDE, il test WIDAL-WRIGTH (salmonelle e Brucellosi),
In attesa solo dei test RICKETTSIA e biopsie gastro.
Finisco col dire che da 6 anni prendo farmaci per la press (min alta border-line) e per piccole piastre alle vene del collo (OLPRESS 20, TOTALIP 20, FOLINA 5).
In un mese ho perso pure 4 KG ( da 87 a 83, h 1.85 m)
Nello scusarmi per la lunga esposizione, vi chiedo un parere, al mio Ospedale non sanno che fare più...
Vi ringrazio in anticipo.

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
immagino che in ospedale abbiano fatto anche numerosi prelievi per emocoltura.
Dagli esami appare evidente la presenza di uno stato infiammatorio; è da chiarire la "provenienza" di quell'LDH (anche mediante dosaggio degli isoenzimi) considerando l'esecuzione di una PET.
Saluti,
Dr. Francesco Marchi
Specialista in Allergologia e Immunologia Clinica

NB: il consulto on-line ha carattere puramente informativo