Utente 292XXX
Salve,

negli ultimi mesi ho avuto problemi epatici piuttosto importanti le cui cause dopo 4 mesi sono ancora sconosciute (apparentemente una epatite ma gli esami del sangue hanno dato esito negativo), le ecografie non hanno evidenziato nulla così, persistendo da così tanto tempo i problemi, mi è stata prescritta una tac addome completa senza contrasto per avere un quadro piu chiaro dell'addome.

La tac ha confermato che non ci sono problemi visibili all'addome ma durante alcuni "limitati passaggi" sul torace si osservano "micronodulie di dimensioni inferiori a 5mm", 7 di numero prevalentemente a destra.
Il referto non specifica niente piu di questo, probabilmente perché la tac era centrata sull'addome e non hanno approfondito il torace oppure perché non c'è da preoccuparsi, questo è il mio primo dubbio.

Mi sono documentato su internet e ho scoperto che la tac è un esame invasivo che secondo alcuni studi può addirittura provocare tumori per via delle radiazioni quindi fare un'altra tac, questa volta al torace, non mi sembra una buona idea, anzi, avessi letto prima queste informazioni avrei soprasseduto anche alla prima tac.

Vengo alle domande.

Le micronodulie a cosa possono essere dovute? Si tratta solo di scenari nefasti come ad esempio tumori oppure può trattarsi anche di situazioni "normali" come possono essere i nei sulla pelle?
Possono essere legati a problemi epatici che ho in questo periodo?

Vorrei un suggerimento sull'opportunità di procedere ad ulteriori indagini e se, nel caso specifico riterreste valido farlo con esami non invasivi quali la risonanza o la ecografia senza fare ricorso ad altre radiazioni.


Ringrazio anticipatamente.



[#1] dopo  
Prof. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Con tutti i limiti di una risposta in questo ambito virtuale, i micronoduli riferiti sembrano del tutto aspecifici, magari in esito a pregressi episodi per esempio di natura infettiva. Il mio consiglio è però comunque di sottoporre il caso ad uno specialista broncopneumologo. Nell'eventualità della ripetizione di un esame strumentale eseguirei questa volta si una RMN ma con il contrasto. Cordiali saluti.
Mauro Granata