Utente 718XXX
Gentili Dottori

Riporto in toto quello che avevo inviato all'indirizzo diretto del Dott. Cardia
perchè solo adesso sono riuscita ad inserirlo qui.

Le scrivo direttamente in quanto il portale non mi permette di inoltrare il mio messaggio a tutti per raggiunti limiti di capienza dello stesso.

Da un normalissimo controllo di analisi e per errore del laboratorio, il quale anziche analizzare gli "ANA" come da richiesta medica, ha elaborato gli "AMA" i quali sono risultati positivi 1/1280.

Visto che la Transaminasi, i Gamma GT e Fosfatasi Alcalina sono negativi,
qual'è il suo parere e cosa mi consiglia per eventuali ulteriori analisi?.

Il mio medico non ha dato molta importanza a questo fattore, devo fare solo dei controlli semestrali.

Ho letto alcune cose in internet che mi hanno un tantino agitata, mi stò veramente preparando ad una cirrosi epatica primitiva?

Rimanendo in attesa di una Sua cortese risposta, La ringrazio per la disponibilità.

[#1] dopo  
Utente 718XXX

Grazie per la gentile risposta, nel frattempo avevo già prenotato una visita specialistica presso una struttura pubblica all'avanguardia nel trattamento delle patologie del fegato, il consulto avverrà domani 31 Agosto, Vi informerò sull'esito dell'incontro.

Cordiali saluti e sia benedetto chi ha inventato internet.

[#2] dopo  
Prof. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Nella Cirrosi biliare primitiva i test di funzionalità epatica riflettono una condizione di colestasi con aumento della fosfatasi alcalina, del colesterolo e negli stadi più avanzati anche della bilirubina. Anche se è vero che molti pazienti rimangono asintomatici per anni sarebbe interessante sapere perché il medico le avrebbe prescritto la valutazione degli Anticorpi antinucleo e se per caso il valore degli Anticorpi antimitocondrio sia stato verificato con una ripetizione dell’esame. Granata Mauro
Mauro Granata

[#3] dopo  
Utente 718XXX

Gentili Medici, ieri pomeriggio sono andata al consulto specialistico, dalla documentazione da me fornita il Vs. collega non ha riscontrato nessuna attuale patologia significativa ne a carico del fegato, del pancreas, milza ecc.. vi riporto le sue conclusioni nel rapporto indirizzato al mio medico.

CONCLUSIONI/IPOTESI DIAGNIOSTICHE:
Sospetta cirrosi biliare:franca positività degli anticorpi anti-mitocondrio; solo minima alterazione degli enzimi di colestasi, in occasione degli ultimi controlli effettuati (Enzini nella norma in passato).
Si ritiene indicato completare l'inquadramento diagnostico eseguendo una biopsia epatica. Ciò allo scopo di meglio definire la natura e studiare il danno epatico. Successivamente a ciò, potrà essere eventualmente intrapresa una terapia con Acidi Biliari.

Adesso mi chiedo e Vi chiedo: è proprio necessaria questa biopsia? mi dicono che è giusto farla anche per rassenerarmi sul problema.

Ma cosa sono questi maledetti MITOCONDRI... e se il laboratorio non avesse sbaglato tra ANA e AMA cosa mi sarebbe successo???

Grazie per la Vs. Cortesia

[#4] dopo  
Utente 718XXX

Egregio Prof. Granata.

La ringrazio della sua risposta e cerco di illustrarLe la situazione:

I sintomi erano fastidi uggiosi accompagnati da sporadici dolori interni alle ginocchia e a gli arti inferiori.

Premetto che mio malgrado in Settembre 2001 ho subito un intervento di isterectomia ritenuto necessario per una patologia non tumorale all'utero e alle ovaie.

Dopo questo intervento e quindi menopausa forzata, sono sorte delle piccole complicazioni: la pressione arteriosa si è alzata e dall'esame della MOC alcuni valori che prima erano regolari risultano alterati.

Per questo il mio medico mi ha richiesto l'esame ANA, ripetuto dopo l'errore del laboratorio il quale risulta tutto negativo.

Gli AMA sono stati ripetuti per 2 volte a distanza di 2 mesi il primo risultava un valore 1/640,
nel secondo vi è stato un aumento a 1/1280

Purtroppo l'errore del laboratorio con gli AMA ha innescato tutto il resto come precedentemente descritto.

Grazie a Lei e a i Suoi colleghi e a presto rileggerVi.


[#5] dopo  
Utente 718XXX

Gentili medici, avendovi fornito come rischiesto le risultanze del mio consulto, e un'approssimativa storia di come siamo giunti agli AMA (anche questa mi è stata richiesta), mi aspettavo un vostro ulteriore intervento.

Capisco che per voi non sia un obbligo rispondere, anzi dobbiamo già ringraziarvi per tutto questo e a quanto leggo sicuramente ci sono persone in peggio condizioni della sottoscritta, ma per quanto strano vi possa apparire una vostra risposta è per me e a quanto vedo per tantissimi altri molto importante.

Grazie comunque per quello che fate.