Utente 324XXX
Spero di postare nel settore giusto.
Parto con una premessa. Sono un ragazzo di 30 anni, da 2-3 giorni accuso fastidi alla gola e alla trachea e un pò di stanchezza, ma stavo tutto sommato bene tant'è che ieri pomeriggio sono andato anche in palestra.
Sempre ieri sera verso mezzanotte inizio ad accusare brividi di freddo , misuro la temperatura corporea ed è 37.
Capisco che è un inizio di febbre, difatti verso le 3:40 di stanotte sale a 37,8 ed aumenta anche il mal di gola.
Prendo una tachipirina 1000 che me la fa scendere a 36 e 5 fino alle 16 di oggi. Ora ho 37.
I sintomi avvertiti in concomitanza con il rialzo febbrile sono stati: dolenza in tutto il corpo, spossatezza,cefalea, ovviamente fastidi a gola e trachea.
Ho notato tra l'altro che quando caccio il muco è di colore giallognolo-marroncino.
Chiamo il medico ma non menzione l'antibiotico, mentre poi chiamo un altro medico amico di famiglia e dice che è il caso di introdurre l antibiotico(klacid 500 RM)forse dopo avergli detto il dettaglio del muco marroncino.
Personalmente non so che fare.So che i farmaci non sono "caramelle".
Credo che questo problema sia sorto in occasione di questi sbalzi climatici eccessivi mischiati a stress.
Mattina 17 gradi, la sera 7 gradi.Credo questo mi abbia fregato.
So bene che in questa sede non si consigliano farmaci, lungi da me l'idea di chiederle farmaci.Ma gradirei sapere la vostra.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Prof. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Gli antibiotici sono farmaci molto importanti che hanno radicalmente cambiato la prognosi delle malattie infettive sostenute da batteri. Purtroppo oggi l'uso spesso indiscriminato di tali sostanze ha portato ad un aumento dei rischi relativi al loro uso, primo fra tutti quello dell'emergenza di ceppi batterici resistenti. Nel caso per esempio delle cosidette "malattie da raffreddamento" non vi è alcuna indicazione alla loro prescrizione visto che questi disturbi (raffreddore, sindromi simil influenzali, etc) sono generalmente sostenute da virus, agenti contro i quali gli antibiotici non hanno alcun effetto. Cordiali saluti.
Mauro Granata