Utente 126XXX
Egregi dottori

Sono in ragazzo di 29 anni, sempre avuto problemi di alimentazione anche se non gravi. Ad oggi peso circa 80 kg e anche seguendo un regime alimentare preciso, fatico a perdere efficacemente peso. Non posso più praticare tanto tennis come una volta in quanto ho problemi alle ginocchia (menisco interno rotto in entrambe le ginocchia, di cui uno operato con successo) nonché gomito del tennista che tengo a bada con onde d'urto.
Ho abusato di alcool per svariati anni dai 18 ai 24 anni e, dopo aver sofferto per due volte di calcoli biliari (risolti con deursil) e due volte coliche renali (risoltesi spontaneamente e senza farmaci in quanto il pradif mi causa tachicardia), nonché di lassativi per controllare il peso per alcuni mesi, il mio problema è che credo di avere periodicamente un accumulo di liquido nell'addome. Vado di corpo non regolarmente e a distanza di 2-3 giorni e con dolore, nei lamenti in cui sono maggiormente sovrappeso (ma mai oltre i 90kg) ho dei piccoli problemi respiratori (difficoltà a respirare) e sento come dei dolori al braccio sinistro e al costato sinistro, tanto da dovermi sdraiare.
Con il maltrattamento che ho riservato al mio fegato e al mio corpo, con il fattore dell'evacuazione irregolare, ho paura di avere un disturbo che associo all'ascite. Aggiungo che ho una leggera intolleranza al lattosio e ad alcuni tipi di carne e che sporadicamente mi causano episodi di diarrea praticamente fulminanti (specie mentre sono a cena e magari si mangia barbecue vado al bagno anche 3/4 volte nell'arco di poche ore e abbondantemente) e pensavo che anche questo si svegliasse ad uno strano accumulo di liquidi. Il gastroenterologo ha liquidato la cosa con una ipotesi di intestino irritato. Urina chiara e più volte al giorno. I reni non danno problemi ma una volta al mese ho un fastidio come un principio di coliche, che passe da solo in poche ore. Addome sempre abbastanza gonfio e "duro".
Cosa ne pensate dalla mia descrizione?
Grazie di cuore.

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Caro signore, deve assolutamente sapere se ha acqua (ascite) nella pancia, perchè questo sarebbe segno di una insufficienza epatica. una situazione del genere sembra strana anche per chi ha avuto abusi alcolici per sei anni. ma deve fare una ecografia all'addome completo ed in particolare al fegato, per vedere se c'è acqua e se il fegato è malato. ovviamente dovrebbe fare degli esami del sangue (il suo medico glieli prescrive) per capire se il fegato è malato in qualche modo.
cordialmente
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Direttore Clinica Chirurgica- Chirurgia Epato Bilio Pancreatica e Gastrointestinale Policlinico di Modena