Utente 884XXX
Gentili Dottori, sono Alessandro dalla provincia di Lecce, vi scrivo perchè da giorni sono preoccupato per la salute di mia madre di 68 anni che a causa di sospetta colangite si trova ricoverata in ospedale.
E'stata ricoverata, in quanto dai penultimi esami del sangue è risultato il valore GGT 360 e dopo una cura di antibiotico il valore era aumentato anche se di poco.
Gli unici sintomi che ha avuto, sono stati la febbre in particolare domenica che è arrivata a 39.5 con nausea vomito e giramenti di testa.
Giorni fa si è sottoposta ad una visita specialistica con ecografia da cui non emergeva nulla di particolare tranne una piccola macchia alla fine delle vie biliari.
Premetto, che circa 18 anni fa mia madre fu operata al Centro Tumori di Milano per un tumore al pancreas dove per quanto ricordo gli fu impiantata una piccola protesi.
In merito all'intervento non posso essere più preciso in quanto all'epoca ero piccolo ed ora non vorrei allarmare mia madre con domande precise in merito a quell'episodio.
Leggevo sul web che la colangite in alcuni casi può provocare anche la morte, quanto è vera questa notizia e in che casi diventa veramente pericolosa.
Mi devo preoccupare seriamente ...
Colgo l'occasione per ringraziarvi per il prezioso contributo che date a tutti gli utenti attraverso questo sito. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Boris Franzato

24% attività
0% attualità
12% socialità
CASTELFRANCO VENETO (TV)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
dipende essenzialmente da quali germi è causata la colangite. Generalmente, se adeguatamente trattata con antibiotici ad ampio spettro, dalla colangite si guarisce senza problemi. Se a provocarla sono germi particolarmente virulenti, magari resistenti ai comuni antibiotici, è possibile che si instauri una condizione definita shock settico, che è potenzialmente mortale. Si tratta comunque di eccezioni alla regola, che prevede la guarigione, purchè si instauri la terapia adeguata.

Boris Franzato
Chirurgia generale e Videochirurgia
Castelfranco Veneto -Treviso-

[#2] dopo  
Utente 884XXX

Gentilissimo Dott. Boris,innanzitutto la ringrazio per aver risposto alla mia domanda.
Secondo lei in che modo si può capire il tipo di germi che hanno causato l'infezione?
Può bastare il prelievo delle urine quando ha la febbre o ci sono altri metodi?
Per la tac bisogna attendere altri 20 gg., potrebbero essere troppi?
Se si trattasse di germi più virulenti la condizione clinica di mia madre peggiorerebbe?
Può essere indicativa la frequenza in cui le arriva la febbre?
Grazie e buon lavoro.

[#3] dopo  
Dr. Boris Franzato

24% attività
0% attualità
12% socialità
CASTELFRANCO VENETO (TV)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
La colangite viene trattata con antibiotici cosiddetti ad ampio spettro che coprono la stragrande maggioranza dei germi che di solito causano l'infiammazione. Qualora persista la febbre generalmente si procede con emocolture (colture del sangue).
La TAC può essere eseguita nei tempi che le sono stati indicati.
Germi più virulenti o non coperti dall'antibiotico causano persistenza della febbre nonostante l'antibioticoterapia e scadimento delle condizioni generali.
Boris Franzato
Chirurgia generale e Videochirurgia
Castelfranco Veneto -Treviso-

[#4] dopo  
Utente 884XXX

La ringrazio Dottore, mi è stato di grande aiuto.