Utente 423XXX
Gentili Dottori,
sono un ragazzo di 23 anni, in passato ho sofferto di giardiasi (circa 5 anni fa).
Scrivo per riportarvi alcuni sintomi:
questa notte ho avuto freddo, di fatto mi sono svegliato avvolto nel piumone. Mi sentivo molto stanco nonostante avessi dormito molto e ho provato la febbre (36.9). Non appena alzato ho defecato e dopo 30 minuti ho riprovato la febbre (37.2). Nella successiva ora ho defecato nuovamente, questa volta però ho controllato la consistenza delle feci che erano abbastanza formate, ma diffusamente ricoperte di piccole formazioni giallastre, come avvolte da una miriade di piccoli puntini giallastre che a volte confluivano nel formare placche più grandi e consistenti. Da quel momento la febbre si è assestata a 37 e non cambia.
Ieri ho mangiato carne di maiale a pranzo e carne di pollo a cena (di solito seguo una dieta equilibrata, ma ieri per situazioni varie non ho potuto). Dopo la carne di maiale a pranzo ho subito sentito una forte sensazione di pesantezza, come se non avessi digerito, con frequenti eruttazioni che continuano anche ora, a distanza di quasi 24 ore.
Non ho dolori addominali rilevanti.
Spero possiate indirizzarmi verso un'ipotesi diagnostica, non ho idea di cosa possa avere e soprattutto se è il caso di rivolgermi all'ospedale/guardia medica (sono uno studente fuori sede).
La ringrazio molto, cordiali saluti

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Ma che cosa fa spara consulti con il copia incolla?
Vuole che la segnali allo staff in qualità di referente scientifico?
Sia serio per favore: lei non è paranoico è affetto da D.O.C. e deve curarselo da uno specialista.
In quanto alla sintomatologia che descrive, leggermente arricchita rispetto all'altra richiesta di consulto, del che non capisco il motivo, c'è necessità che qualcuno la visiti.
Quindi vada dalla guardia medica e magari porti nell'apposito contenitore un campione di feci, da fare esaminare al collega "de visu"
Non intasi il P.S. per queste fesserie.
Tanti saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 423XXX

Gentile Dott. Caldarola, l'unico motivo per cui ho postato nuovamente il problema è che, probabilmente a causa di un errore tecnico, il consulto precedente non è più presente nella sezione personale "Ultimi consulti" ed ho pensato che fosse stato eliminato per non so quale motivo.
Per il resto la ringrazio per le sue gentili e soprattutto cortesi parole, nonché per diagnosi improvvisate di DOC, in una persona che sta male.
Non sono un medico, ma non credo che l'ansia faccia salire la febbre a quasi 38, dando astenia e altri sintomi correlati anche con disturbi gastrointestinali.
Sono felice nel vedere come anni ed anni di studio e pratica le abbiano insegnato a stringere rapporti cosi profondi con i suoi pazienti, seppur virtuali.
Buona giornata

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Utente 423523
nei suoi consulti non c'è alcun riferimento alla febbre a 38°C
Se legge attentamente quello che scrive si è fermato a 37 °C
Inoltre è già la seconda volta che lei porta all'attenzione degli specialisti di questo Sito il colore delle sue feci, i pezzi che ci trova dentro, quante volte ha defecato e la consistenza delle feci.
Questo fa pensare a un DOC, in scienza e coscienza.
Inoltre non si permetta più di esprimere, coperto dall'anonimato, giudizi sulla mia professionalità e sul mio rapporto con i pazienti: lei non è " i mei pazienti" nè reali nè virtuali; è un (1) utente virtuale di un sito che ha delle limitazioni per la modalità del consulto telematico.
E' facile, coperto dall'anonimato sparlare contro chi si firma in calce con nome e cognome. Caro Lei.
Cresca!
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.