Utente 213XXX
Buongiorno,

Oggi ho ritirato gli esami del sangue e delle urine di controllo eseguiti lunedì 21/11 ed ho riscontrato i seguenti risultati fuori dai range:

- Emoglobina 9.2 (Range 12.0-15.5)
- Ematocrito 29.9 (Range 37.0-47.0)
- MCV 70.7 (Range 80.0-95.0)
- MCH 21.7 (Range 27.0-32.0)
- MCHC 30.8 (Range 32.0-36.0)
- RDW CV 15.2 (Range 11.5-14.5)
- Ferritina 3 (Range 15-150)
- Peso specifico urine 1.032 (Range 1.005-1.030)

I globuli rossi sono però nella norma a 4.23 (Range 4.00-5.20) e anche i globuli bianchi a 5.13 (Range 4.00-10.00).
Questo denota senz'altro un quadro di anemia, che si era già manifestato due anni fa, ed iniziai a fare una terapia a base di Ferrograd e Acido Folico.
Sia mia madre che mia sorella soffrono di anemia, mia sorella all'incirca ha gli stessi valori di ferritina, ora migliorati con la terapia corretta. Ho già contattato il mio medico di base che mi ha indicato di riprendere subito con la terapia di ferro e acido folico (l'avevo sospesa da un anno..), però volevo chiedere a Voi un secondo parere, ovviamente con i limiti di un consulto a distanza.
Vi faccio il punto generale cercando di sintetizzare della mia situazione: ho sospeso un mese fa la pillola anticoncezionale Yaz, presa per problemi ormonali e ovaio multifollicolare, in quanto per tutto il tempo in cui l'ho presa ho sofferto di spotting, più o meno importante (4 anni). Ho fatto una ecografia addominale completa con studio delle anse intestinale e gli esami per controllare eventuali intolleranze alimentari e/o celiachia, risultati negativi in quanto ho dei problemi intestinali, con alvo tendenzialmente stitico. Ho eseguito poi due gastroscopie, una nel 2011 e una di controllo nel febbraio di quest'anno, che hanno rilevato reflusso gastroesofageo ma senza ulcere o lesioni della mucosa. Ho fatto poi un'ecografia ai reni a Gennaio 2016 risultata nella norma. Un mese fa circa ho effettuato una visita ginecologica che ha riscontrato un'infiammazione (in cura), con ovaie e utero a posto. Ho prenotato una visita proctologica per settimana prossima al fine di valutare eventuali problemi colon-rettali.
Visti i dati sopra elencati, la mia anemia potrebbe essere dovuta alle mestruazioni abbondanti e al vario spotting avuto in questi quattro anni? Il peso specifico delle urine leggermente superiore potrebbe essere dovuto ad una bassa idratazione da parte mia? E' necessario che esegua ulteriori esami/accertamenti?
Chiedo scusa per la lunghezza del consulto ma volevo farVi, per quanto possibile, un quadro dettagliato della mia situazione.

Ringraziando in anticipo per l'attenzione prestata, porgo cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Valerio Langella

40% attività
12% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
BOSCOREALE (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2012
Gentile Signora, trattasi verosimilmente di anemia sideropenica. (vedi tra l'altro ferritina) Controlli se per caso non è portatrice di trait talassemico. Solo da esami di laboratorio appare inverosimile la carenza di acido folico e quindi superflua la terapia con questa vitamina. Ovviamente perdite di natura ginecologica e soprattutto stati infiammatori cronici contribuiscono ai bassi valori riportati. Le consiglierei una visita internistica o anche ematologica così da chiarire l'iter terapeutico ed alcune norme comportamentali e dietetiche che sicuramente contribuirebbero al miglioramento dei valori dell'esame emocromocitometrico ed una eventuale sintomatologia oltre, a ridurre le sue preoccupazioni. Distinti saluti
Dr. VALERIO LANGELLA