Utente 414XXX

Gentili dottori, ho già esposto, nella sezione Neurologia, molti sintomi neurologici che mi ritrovo ad avere a 22 anni con risonanza magnetica encefalica negativa ed elettromiografia negativa. Nessun medico fino ad ora ha saputo darmi un indirizzo diagnostico. Sono stata anche in cura farmacologica con antidepressivi e psicofarmaci + psicoterapia, perché il mio psichiatra sospettava sindrome da conversione, ma questi sintomi non sono spariti. I sintomi sono iniziati ad ottobre 2016 e continuano ad esserci. Tra questi, i più fastidiosi sono: fascicolazioni 24 ore su 24, disfagia, tremore del busto a riposo in avanti e indietro, iperidrosi palmare, collo che quando lo piego fa rumori strani, formicolii al viso, extrasistole, fastidio alle luci e ai rumori soprattutto di sera, stanchezza cronica, e disturbi della visione come: "brillantini" colorati e vibranti che prendono tutto il campo visivo (non credo siano scotomi perché questa visione è praticamente fissa, tant'è che ci sono abituata), alcune sere, soprattutto con stanchezza fisica e mentale, sbattendo le palpebre succede che l'immagine si forma un po' in ritardo producendo un effetto tremolante, ondeggiante. Ora mi sono accorta che mi basta appoggiare un braccio sopra un mobile e mi si forma una stria rossa che riprende la forma del mobile per più di mezz'ora! Infatti ogni mattina quando mi sveglio mi trovo tantissimi segni anche sulle gambe, chiaramente da pressione, che non spariscono. Ecco, volevo sapere, l'ultimo sintomo è preoccupante? Sommato ovviamente agli altri... Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Gentile amica, ho riletto molte sue richieste di consulto.
Non se ne abbia, ma, a distanza, credo che tutto origini da problemi legati alla psiche.
Il tutto è peggiorato da un suo "documentarsi" in rete (o altrove) creandosi la convinzione di soffrire di svariate patologie pur in presenza di importanti esami strumentali che lei stessa definisce negativi al 100%.
Le consiglio di rivolgersi ad un collega psichiatra che potrà aiutarla in modo fattivo!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia