Utente 137XXX
Buongiorno,
mi rivolgo a Lei per una delucidazione in merito alle Agevolazioni fiscali
per i portatori di handicap/invalidi civili.
Nello specifico:
mia madre è riconosciuta invalida civile, medio-grave: 75% (67 anni), secondo art.3 comma 1 legge 104/92.
Le principali patologie riguardano il disturbo visivo (maculopatia degenerativa - residuo visivo OS 1/10, OD 5/10)ed uditivo.
Ci siamo rivolti all'agenzia dell'entrate per verificare se per questa
casistica si ha diritto all'agevolazione per l'acquisto con l'iva al 4% di un
automobile.
La risposta stata abbastanza vaga.
Secondo loro "la norma lascia adito a possibili interpretazioni avendo una %
di invalidità suoperiore ai 2/3 però ....forse è riconosciuta SOLO con l'adattamento del veicolo.".
Non ho ottenuto quindi una risposta esauriente, inoltre cosa significa "adattamento del veicolo"?
Grazie per l'attenzione.
Distinti saluti

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

l'art.3 comma 1 della legge 104/92 dà diritto alle agevolazioni fiscali per l'auto se la patologia invalidità comporta una disabilità motoria, in conseguenza della quale il veicolo deve essere adattato.
La percentuale di invalidità non ha molta rilevanza.
Se nel caso di sua madre, non si tratta di una disabilità motoria, non serve alcun adattamento al veicolo; l'adattamento può consistere nel predellino per un più facile accesso nella vettura, nell'adattamento delle vettura per farci stare, per esempio, una carrozzina, eccetera.
Se sua madre non ha bisogno di alcun adattamento alla vettura (che può anche essere intestata ad un familiare), non sono dovute le agevolazioni fiscali.

invalidità civile
https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=86486
http://www.medico-legale.it/invalidita'_civile.html
http://www.medico-legale.it/handicap_legge_104.html

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
37801

Cancellato nel 2010
mi pare strano che sua madre guidi la macchina. Questo indica che non necessariamente si debbano avere aptologie che impongono variazioni dell'assetto delle vetture.La macchina, infatti, potrebbe essere utile a sua madre perchè qualcuno la accompagni.
Ecco la titubanza dell'agenzia delle entrate.
La 104/92 non è AFFATTO legata alla percentuiale di invalidità. Spero di essere stato esaustivo.
Grave che l'ag entrate non sappia dire un NO od un SI:
Questo campo, difatti, è soprattutto campo di commercialisti, assitenti socilali e patronato.
Si rivolgo alle assist sociali del suo comune o della ASL, ma, a mio avviso, viene quasi regolarmente concessa nelle condizioni di sua madre.

dott Sergio Funicello
Spec Medicina legale e Chir d'Urgenza
Dirigente medico legale ASL

[#3] dopo  
Utente 137XXX

Buongiorno, ringrazio per le sollecite risposte ricevute.
Le vostre risposte però sono in contraddizione: il dott. Corcelli dichiara "...Se sua madre non ha bisogno di alcun adattamento alla vettura..non sono dovute le agevolazioni fiscali.." - il dott. Funicello invece dichiara "..mi pare strano che sua madre guidi la macchina. Questo indica che non necessariamente si debbano avere patologie che impongono variazioni dell'assetto delle vetture..".
Concordo pienamente con quest'ultima risposta.
Mia madre non guida più, pultroppo !!!
E deve essere accompagnata nelle varie visite (numerose viste la patologia degenerativa).
Quanto all'ASL, a cui mi sono rivolta, mi ha liquidato con un "se vuole le fotocopio la legge finanziaria 2008".
Perciò ho molti dubbi a cui consegnare il trofeo "RISPOSTA EFFICIENTE" tra ASL e Ag. delle entrate.
Concludo quindi, se permettete, con una riflessione personale: CHE VERGOGNA !!! questa legge ha bisogno ASSOLUTAMENTE DI UNA MODIFICA - i problemi di deambulazione non sono i soli da prendere in considerazione per autorizzare l'applicazione dell'iva agevolata !!!
Distini saluti.

[#4] dopo  
37801

Cancellato nel 2010
allora precisaimo per toglierla dalla confusione.L'art 3/1 non trova , a mio avviso giustificazione, perchè coinvolge un senso in maniera grave e pertanto era l'art3/3 che , sulla base di quanto ella scrive, andava concesso.
QUesto porterebbe ad annullare l'intera problematica.
Faccia ricorso o aggravamento facendosi, però, accompagnare da un medico legale.
Sull'adattabilità della vettura, non vedo come possa essere adattata vistala patologia ed ecco perchè ricollego all'art3/3 la decisioe che doveva essere presa (sempre con il beneficio del dubbio, mi scusi, ma mi baso su quello che ella scrive
dott Sergio Funicello
Spec Medicina legale e Chir d'Urgenza
Dirigente medico legale ASL