Utente 155XXX
volevo chiedere se una epicondilite poteva essere una causa dovuta al lavoro grazie

[#1] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gent. Utente,
la risposta è si.
Buona giornata
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni

[#2] dopo  
Utente 155XXX

la ringrazio per la risposta.Un'altra domanda mi può rispondere a questo quesito?svolgo attività lavorativa come cassiera presso un centro commerciale da circa 5 anni.
A seguito di visita medica presso il medico del lavoro dell'ASL in data 29.04.2008, venivo informata che per la mia diagnosi: SPONDILOUNCOARTROSI CERVICALE, DEGENERAZIONE DEL DISCO INTERSOMATCO C5 - C6 CHE MOSTRA MODESTA PROTUSIONE CIRCONFERENZIALE POSTERO LATERALE SX ASSOCIATA AD OSTEOFITI REATTIVI; MODESTA PROTUSIONE DISCO INTERSOMATICO C6 - C7 CON LIEVE IMPRONTA SULLA SUPERFICE DURALE ANTERIORE; IPOTONIA M.PARAVERTEBRALI E TRAPEZIO BILATERALE; SCOLIOSI DORSALE DX CONVESSA; INSORGENZA DAL 2006 DI VERTIGINI, DISTURBI DELL'EQUILIBRIO, ALGIE ALLE SPALLE ED AL COLLO, PARESTESIE AGLI ARTI SUPERIORE potevo dare corso alla pratica assicurativa per una sospetta malattia professionale perchè compatibile con il fattore di rischio in base alle (linee guide ISPESL profili di rischio supermercati).
Dopo la presentazione della prima domanda fatta all'INAIL in data 15.05.2008, il 22.08.2008 mi veniva respinta e archiviata senza effettuare alcuna visita perchè secondo il giudizio del medico il rischio lavorativo cui sono esposta non è idoneo a provocare la malattia denunciata informandomi che contro il provvedimento potevo fare opposizione tramite il patronato.
In data 11.06.2009 dopo aver presentato ricorso per il tramite del patronato ricevevo lettera di invito a presentarmi il giorno 23.06.2009 per visita collegiale.
In data 22.01.2010, dopo diversi solleciti sia all'INAIL che al Patronato, ricevevo comunicazione dall'Inail con il seguente giudizio:IL PRESENTE PROVVEDIMENTO VIENE EMESSO A SEGUITO DI OPPOSIZIONE. GLI ACCERTAMENTI EFFETTUATI PER IL RICONOSCIMENTO DELLA MALATTIA PROFESSIONALE HANNO EVIDENZIATO CHE IL RISCHIO LAVORATIVO CUI E' STATA ESPOSTA NON E' IDONEO A PROVOCARE LA MALATTIA DENUNCIATA. LA PRATICA PERTANTO VIENE ARCHIVIATA.
Per quanto sopra, chiedo alla S.V. un parere su come posso comportami per un ulteriore ricorso davanti al giudice se sarà necessario.
Inoltre chiedo se il medico era tenuto a rilasciarmi il verbale dell'accertamento effettuato sulla mia persona oppure devo fare domanda di accesso agli atti amministrativi?
La ringrazio.