Utente 156XXX
Gent.mi medici,
lavoro come docente di scuola dell'infanzia e in data 07/04/2010 ho avuto un infortunio sul lavoro. Al pronto soccorso mi è stata diagnosticata una forte distorsione al 5° dito della mano sinistra (sono mancina)che mi ha procurato una grossa tumefazione e molto dolore. Mi è stato quindi effettuato un bendaggio con doccia di immobilizzazione da rimuovere dopo 7 giorni. Poichè dopo i 7 giorni avevo ancora un forte dolore, il mio medico curante non mi ha rimosso il bendaggio di immobilizzazione e mi ha fatto una continuazione di infortunio fino al 30/04/2010 e a quella data ritiene di chiudere l'infortunio. Poichè a tutt'oggi il dolore permane chiedo:
-come devo comportarmi se dopo la chiusura dell'infortunio e il rimborso delle spese mediche da me affrontate da parte dell'assicurazione della scuola (la scuola ha infatti stipulato un'assicurazione contro gli infortuni per allievi e docenti) dovessi avere ancora dolore persistente?
-se dovesse rimanermi una piccola invalidità permanente e ne vengo a conoscenza quando ho già consegnato il certificato di chiusura infortunio fatto dal mio medico e firmato la quietanza di rimborso delle spese mediche, posso ancora rivolgermi all'assicurazione (che accerterà la cosa con il suo medico fiduciario) per riaprire l'infortunio? (l'assicurazione stipulata dalla scuola paga anche l'1% di invalidità permanente). In caso positivo vi sono dei tempi da rispettare?
-è possibile riaprire l'infortunio pur continuando a lavorare oppure rientrare al lavoro senza chiudere l'infortunio?
Mi scuso per le tante domande ma non riesco ad avere risposte certe. Porgo i miei più cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Vallebona

24% attività
0% attualità
12% socialità
CECINA (LI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
la valutazione del danno permanente, proprio per le sue caratteristiche, può essere effettuata anche dopo la chiusura delle certificazioni e/o la ripresa del lavoro, anzi avviene sempre così. Per quanto riguarda l'assicurazione privata è possibile rientrare al lavoro senza chiudere le certificazioni. Per quanto riguarda l'Inail la ripresa del lavoro avviene a ceryificazione di chiusura in genere rilasciata dall'Inail stesso. In quest'ultimo caso può riaprirsi la temporanea (come ricaduta) al sopravvenire di riacutizzazioni e/o complicanze, ma non credo sia il caso suo. Saluti
Dr. Alessandro vallebona