Utente 171XXX
In caso di priorita di assegnazione cattedra a tempo determinato per legge 104 art.3 com.1 e invalidita al 50% quali sono i criteri parita di punteggio o altro? infinite grazie.

[#1] dopo  
37801

Cancellato nel 2010
Questa domanda non rientra nella medicina legale.I criteri immagino siano tutte le voci che danno priorità. Ovvero se oltre la 104 esistono altre motivazioni di precedenza non essendo la 104 percentualizzata e , di conseguenza, non classificabile (ad esempio invalidità civile in una classificazione del percento)
Per migliori indicazioni si rivolga a patronato o ad un avvocato o alle assistenti sociali comune o asl.

[#2] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

Concordo con il collega che il quesito non è prettamente di natura medico-legale ma prevalentemente amministrativo; inoltre la normativa e le sentenze sull'argomento sono discordanti fra loro.

Comunque, il solo riconoscimento del comma 1 dell'art. 3 della L. 104/92 non dà diritto ad alcuna preferenza o precedenza.
il Dirigente Scolastico deve riassegnare le cattedre senza tenere conto dei beneficiari della legge 104, ma solo ed esclusivamente dai criteri stabiliti dal Consiglio di Istituto e approvati dal Circolo Didattico che solitamente in primo posto viene posta la continuità didattica (può controllare tali criteri deliberati nei registri dei verbali).
Solo se i criteri prevedono espressamente la precedenza 104 lei può beneficiare di detta precedenza, "a parità di punteggio con altri candidati", anche nell'assegnazione a cattedre esterne per completamento o assegnazione ai plessi.

Per la scelta della sede più vicina alla propria residenza, invece, lo stato di handicap dev'essere grave (comma 3 dell'art.3) come disposto dall'art. 33 comma 6 della L. 104/92.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#3] dopo  
37801

Cancellato nel 2010
devo dire che al 104/92 art 3/1 da' dei vantaggi anche in graduatoria se il % di invalidità è superiore al 67 %.
Dunque avendo ella il 50 % ne consegue che la disquisizione del collega Corcelli è esatta anche se vale il mio invito a rivolgersi a professionisti del settore specifico piu' che altro per evntuali futuri , non auspicabili, aggravamenti