Utente 184XXX
Nel Marzo 2009 ho subito un intervento di erniectomia e discectomia L4-L5.
Nonostante tale operazione tornando al lavoro ho un costante dolore di schiena.
Oggi ho ritirato l'ultimo referto di RM LOMBO-SACRALE che dice:
Diametri canalari ossei nei limiti di norma.
Parzialmente degenerato il disco L2-L3 con minima protrusione paramediana SX.
Notevolmente degenerato il disco L4-L5 con marcata riduzione in altezza e modesta protrusione mediana.
Osteocondrosi dei piatti somatici contrapposti a questo livello.
Artrosi interapofisaria a L4-L5, L5-S1.
Normale il segnale del cono midollare.
Specifico che il mio lavoro (a turni) e' quello di Operatrice Socio Sanitaria in una Casa di Cura che richiede notevoli sforzi fisici nella mobilizzazione dei pazienti.
L'azienda dove lavoro non riconosce la mia patologia.
Vorrei sapere i miei diritti per poter essere cambiata di mansioni perche' il mio stato di salute si sta' aggravando.
Anticipo i miei ringraziamenti.
Distinti Saluti

[#1] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gent. Utente,
dovrebbe essere così gentile da spiegare cosa intende quando dice che la sua azienda non riconosce la sua patologia (il medico competente?).
Per ottenere il cambio mansioni deve essere visitata dal medico competente della sua azienda e solo dietro questa richiesta può verificare la possibilità.
Io le consiglio, però, prima di muoversi in tal senso di farsi affiancare da una struttura di patronato dove può trovare validi consigli sulla migliore strategia da seguire per migliorare le sue condizioni di lavoro (ad esempio se ha richiesto la malattia professionale all'Inail oppure ha richiesto la valutazione come invalida civile).
Buona giornata
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni

[#2] dopo  
Utente 184XXX

La ringrazio della sua disponibilità, purtroppo le indicazioni da lei datami le ho già seguite con esito negativo.
Ci possono essere altre possibilità per un cambio mansioni?
Dato che il neurochirurgo che mi ha fatto l'intervento mi certifica vietandomi:
assolutamente di non sollevare pesi, carichi, sforzi e ortostatismo prolungato, anche negli anni futuri.
Che importanza ha l'opinione del mio neurochirurgo, nella richiesta di cmbio mansioi?
Purtroppo il mio lavoro rimane pesante e come le ho descritto nella precedente mail la mia condizione fisica va' peggiorando.
Rinnovo i miei saluti e ringraziamenti.

[#3] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gent. Utente,
il cambio mansioni presuppone che il medico competente della sua azienda certifichi la situazione.
Se lei ha richiesto la visita dal medico competente sarebbe interessante vedere che cosa ha scritto (testualmente).
Il parere del neurochirurgo ha valore, certamente, ma non è vincolante per la sua azienda che deve attendere il parere del suo medico competente.
Nel momento in cui il medico competente non disponga per il cambio mansioni può presentare ricorso (ma se è stata in un patronato queste informazioni dovrebbe già averle ottenute).
Buona giornata
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni