Utente 544XXX
Buon giorno, a causa dsi un tumore al colon retto, sono stato operato nel Settembre del 2008 ed è da allora che continuo a fare chemioterapia. Al momento sono riconosciuto : 06 invalido con totale e permanente inbilità lavorativa (Artt. 2 e 12 L.118//71): 100%
L.104: art.3 comma 1: si, art.e comma 3: si. Non mi è stato riconosciuto l'art. 8 L.449/97, anche se facendo ancora chemioterapia accuso un forte dolore alle gambe e sono costretto a camminare con la stampella a causa della tossicità della terapia. Il tutto lo devo ripresentare il giorno 09/03/2011 con relativa visita. Ho rifatto la visita per la rivedibilità:
L.104 oltre a quello di cui sopra, c'è stato un'aggravamento: mi hanno riconosciuto l'8 L. 449/97 e mi hanno rilasciato in via ufficiosa la copia del documento. Per quanto riguarda l'invalidità civile, non so se è rimasta tale o cosa, perchè non mi hanno rilasciato alcun foglio. Ora mi trovo in queste condizioni: ho il bollo dell'auto scaduto perchè il PRA vuole il documento originale. La mia azienda per fare le cose in regola, dovrebbe avere anche Lei i documenti in originale, vorrei acquistare un'autovettura con le agevolazioni del caso ma non posso perchè mi manca la documentazione. Vorrei fare dei curriculum, dato che posso appartenere alla categoria protetta, per cambiare in meglio ma anche qui sono fermo; e per avere le pratiche mi sono informato all'INPS e devono trascorrere dai 3 ai 6 mesi!!!!!!! Ma com'è possibile tutto ciò? Vista la vs. esperienza esiste una possibilità per anticipare i tempi? Va bene che siamo in Italia, però credo che si stia esagerando......
Un grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Preg.mo Utente,
il quesito posto riguarda la possibilità di accelerare l'iter conclusivo di una pratica di invalidità.
Sarebbe auspicabile trovare una soluzione, che determinasse un'accelerazione di TUTTE le pratiche, oltre che la Sua, stante che le lamentele in questo senso sono pressoché continue .
Qualche anno fa, quando l'INPS si fece carico delle intere procedure di accertamento-verifica-pagamento nell'ambito dell'invalidità civile, prospettò uno scenario in cui non ci sarebbero più stati ritardi dovuti alla burocrazia.
Stando a quanto da Lei riportato, i ritardi persistono ancora, ed anche in una Regione, come l'Emilia Romagna, fra le più efficienti in materia di assistenza.
L'unico consiglio che Le posso dare è quello di sollecitare i competenti Uffici, eventualmente con nota da parte di un Patronato di Sua fiducia.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]