Utente 207XXX
Buongiorno

Il 28-11-2008 subì un incidente stradale e ho aperto un sinistro per infortuni del conducente con l’andare del tempo ho eseguito tutte le viste medico legali e vari accertamenti per il danno subito fino ad avere una proposta dalla mia assicurazione di 4 punti d’invalidità (premesso che non ho mai accettato) con il proseguire degli accertamenti strumentali e medici sono arrivato a subire un intervento chirurgico per migliorare la mia condizione. A tutt’oggi la mia assicurazione mi ha proposto 5 punti d’invalidità dicendomi che potrebbero essere di meno se dopo la riabilitazione dovessi fare un’altra visita medico legale per il motivo che avendo subito l’intervento vado a migliorare i miei postumi. Vorrei un vostro parere in merito .
Ringrazio per la cortese attenzione e in attesa di un vs riscontro porgo i miei più cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

Va premesso che la valutazione medico-legale del danno biologico può essere correttamente effettuata quando sia conseguita la stabilizzazione clinica dei postumi delle lesioni riportate.
Nella valutazione si tiene ovviamente conto di quelle che saranno le possibilità di miglioramento delle menomazioni con successivi eventuali trattamenti, fermo restando che anche con questi difficilmente sarà possibile raggiungere il ripristino delle condizioni biologiche preesistenti, e che in ogni caso Lei non è obbligato a sottoporsi a tali trattamenti, se non lo ritiene necessario (Le porto ad esempio il caso di una cicatrice al volto, che potrebbe beneficiare di trattamento chirurgico estetico a posteriori, ma che l'interessato potrebbe non consentire ad effettuare).
Qualora poi Lei effettui i trattamenti del caso, e questi abbiano successo, è vero che la valutazione dei postumi sarà inferiore, ma il costo dei trattamenti effettuati sarà computato, quale danno emergente, fra la spese mediche attinenti al caso, che pure l'Assicurazione Le dovrebbe interamente risarcire.

Quanto Le ho detto vale in caso di lesioni riportate in sinistro stradale, che debbano essere risarcite in RC auto dalla Compagnia Assicurativa di controparte.

Ove si tratti invece di indennizzo per polizza privata infortuni, il discorso è completamente diverso.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 207XXX

Buongiorno Dr. Nicola Mascotti
La ringrazio per la sua esauriente risposta.
Secondo lei quanti punti posso ottenere (premetto che dovro fare una visita appena finito la riabilitazione) con i seguenti postumi:
RACHIDE CERVICALE
cervicoalgia post-traumatica con contrattura paravertebrale ad entrambi i muscoli cucullari,movimenti del collo limitati ai gradi estremi.
POLSO DX
"Si conferma la presenza di una sublussazione dorsale del "caput ulnae"; la stiloide ulnare si presenta piuttosto disomogenea nel segnale, per verosimile sclerosi, irregolare nel profilo e con una piccola immagine lamellare,verosimilmente riferibile a sottile calcificazione, sul suo profilo, per esiti traumatici; anche alla base della stiloide, sul profilo articolare carpale dell'ulna stessa, si rilevano minime irregolarità del profilo, di verosimile significato osteocondrosico post-traumatico. Non si riconoscono ulteriori alteraziod morfologiche o di segnale sui restanti elementi scheletrici, ad esclusione di un'area di enostosi, priva di significato patologico, nel contesto del capitato.
I rapporti articolari radio-carpici cono sostanzialmente conservati.In corrispondenza dell'articolazione radio-ulnare distale si osserva abbondante versamento che distende i recessi capsulari, con espansioni sacciformi, sia sul versante volare che su quello dorsale; il versamento si accompagna ad un ispessimento reattivo della membrana sinoviale. Versamento, con sinovite, si rileva anche a livello del recesco prestiloideo.
La fibro-cartilagine triangolare appare distaccata dalla sua inserzione stiloidea; il legamento radio-ulnare distale, sia sul versante dorsale che su quello volare, non appare identificabili con le consuete caratteristiche di morfologia e segnale, in relazione, verosimilmente, ad una sua lesione.Sul versante volare della radio-carpica, a livello radiale, alla base dello scafoide, si osserva una piccola estroflessione sacciforme (inferiore al centimetro), a contenuto fluido, da riferire a piccolo ganglio sinoviale.Si osserva una cospicua distensione, per versamento, della guaina del tendine estencore ulnare del carpo. Non si rilevano segni di versamento, di entità significativa, a carico delle restanti guaine tendinee."
Eseguito intervento artroplastica dell'articolazione carpocarpale o carpometacarpale senza impianto e artroscopia.inoltre le faccio presente che sono destrimane.
In attesa di un suo parere a titolo informativo e ringraziando anticipatamente
le porgo i miei più cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

per poter ipotizzare una valutazione medico-legale sulla menomazione al polso destro (destrimane), è necessario prima valutare clinicamente la limitazione dei movimenti che è residuata dopo l'intervento di artroplastica, valutazione che deve essere ovviamente effettuata successivamente ad una congrua riabilitazione.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]