Utente 207XXX
Buon giorno, ho fatto il rappresentante per circa 10 anni per conto di una ditta privata ed ho lavorato per questi fino allo scorso anno. Adesso soffro di lombosciatalgia e questo perchè probabilmente passavo tutta la giornata seduto in macchina a guidare. Questa lombosciatalgia potrebbe definirsi una malattia professionale?
Grazie anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

il Suo quesito probabilmente si riferisce ad una "malattia professionale in ambito assicurativo INAIL".

Le nuove tabelle INAIL per le malattie professionali (Decreto Ministeriale 9 aprile 2008 in G.U. n. 169 del 21 luglio 2008) comprendono fra esse "l'ernia discale lombare" (e non la lombosciatalgia da qualsiasi causa determinata).
Inoltre, tale malattia è riconosciuta dall'Istituto Assicuratore per le seguenti attività lavorative: "Lavorazioni, svolte in modo non occasionale, con macchine che espongono a vibrazioni trasmesse al
corpo intero: trattori, mietitrebbia,vendemmiatrice semovente. Lavorazioni di movimentazione manuale dei carichisvolte in modo non occasionale in assenza di ausilii efficaci."

In conclusione, Lei potrebbe inoltrare comunque all'INAIL l'istanza per malattia professionale, ove -con onere della prova a Suo carico- dimostrasse che tale malattia è sicuramente causata dalla Sua attività lavorativa, svolta con assicurazione INAIL, e che la malattia stessa ha determinato un danno alla Sua salute.

Distinti Saluti.




Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]