Utente 218XXX
Salve, cercherò di essere breve e più comprensibile possibile, visto che la storia non è delle più semplici. A Novembre dell'anno scorso mia madre si è procurata una frattura esposta molto grave alla caviglia, ovviamente sul posto di lavoro. Quindi è stata aperta una pratica d'infortunio presso l'inail e le cose sono procedute con normalità fino al momento in cui è sopraggiunta un ulteriore brutta notizia. A mia madre nel Luglio di quest'anno è stata diagnosticata una leucemia mieloide acuta. Essendo impossibilitata a presentarsi alle periodiche visite di controllo presso gli ambulatori INAIL, mi sono recato io in persona con il certificato di ricovero. La situazione è sembrata da subito molto caotica, con gli impiegati incapaci di darmi delle risposte sull'evoluzione della pratica o su come avremmo dovuto comportarci. Fino a che un giorno non mi viene consegnato un foglio dove vi era scritto che la pratica era passata, dal momento del ricovero sotto la tutela dell'INPS ( ovviamente con un ritardo madornale). Lla ritribuzione è stata bloccata fino a che non si decideranno i due enti. Ora vorrei chiedervi gentilmente: l'infortunio resta aperto? cioè è possibile che una pratica d'infortunio venga bloccata per poi riaprirla in seguito? é regolare che mia madre sia passata in malattia, visto che mi è stato detto da un'impiegata INPS che l'infortunio prevale sulla malattia. Vi chiedo cortesemente di illuminarmi su questa situazione, visto che , e mi dispiace dirlo, nelle sedi degli istituti ho trovato poca collaborazione . In attesa di una vostra risposta vi ringrazio e vi porgo i i migliori saluti.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

se l'INAIL ha passato la pratica all'INPS, l'infortunio non resta aperto.
Al lavoratore, però, viene data comunicazione formale di ciò, in modo da dare la possibilità di fare un ricorso amministrativo, che prevede una visita collegiale tra un medico di fiducia e il medico dell'INAIL al fine di discutere la cosa.
Le consiglio di rivolgersi ad un Patronato, che gratuitamente le potrà fornire un'assistenza gratuita amministrativa, medico-legale e legale.

Ci tenga al corrente, se lo desidera.

http://www.medico-legale.it/infortunio_inail.html
https://www.medicitalia.it/minforma/medicina-legale-e-delle-assicurazioni/165-infortunio-inail.html

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it