Utente 318XXX
buongiorno desidero informazioni riguardo valutazione legale.
Mio figlio ha subito un incidente nel 2005 (frattura acetabolo con inserimento placca e viti, lussazione anca, frattura tre metatarsi piede con inserimento placca e viti e lesione nervo sciatico) ora siamo in causa e il ctu del tribunale ha valutato un danno biologico del 30%.
Ha eseguito giorni fa una radiografia completa della colonna a causa di frequenti mal di schiena e questo è l'esito:
Radiogrammi nelle proiezioni ortogonali in ortostasi con radiogrammi mirati della regione cervicale.
Slivellamento in basso dell'emibacino destro da complessiva minor lunghezza dell'arto inferiore destro, in presenza di placca e viti metalliche come per riduzione di frattura periacetabolare dell'emibacino sinistro.
Modesta scoliosi toraco lombare destro convessa ad ampio raggio in parte con caratteristiche di tipo compensatorio, con lieve rotazione consensuale dei corpi vertebrali.
Inversione della metà superiore della lordosi cervicale con minima riduzione del disco C3-C4.
Riduzione della metà inferiore della cifosi toracica con spondilosi delle corrispondenti vertebre.
Iperlordosi al passaggio lombosacrale.
questa diagnosi necessita di terapie? e potrebbe modificare il punteggio del danno biologico?
ringrazio e saluto cordialmente

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

ove risultino menomazioni clinicamente apprezzabili (oltre che evidenziabili radiologicamente), e queste possano essere causalmente attribuite all'evento lesivo del 2005, dovrebbero essere segnalate al CTU per la valutazione complessiva del danno biologico.
Le suggerisco di integrare la documentazione radiologica con una relazione clinica specialistica da parte dell'Ortopedico che ha richiesto le radiografie, che pure Le fornirà i chiarimenti riguardo alle terapie del caso; e di sottoporre le risultanze al CTU, se i termini nel corso della causa lo consentono: per tale aspetto, faccia riferimento al Suo Legale.


Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 318XXX

buongiorno ringrazio per la risposta
le invio una seconda domanda questo slivellamento dell'emibacino destro può essere causato dalla difficoltà nel camminare causata dall'incidente e potrebbe aumentare il danno biologico?

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

è da verificare se la dismetria (complessiva minor lunghezza dell'arto inferiore destro) rilevata nei radiogrammi è preesistente o se è stata cagionata dalle lesioni (frattura periacetabolare a sinistra) e dal loro trattamento: risposta a tale quesito la può fornire, come dicevo, l'Ortopedico che ha richiesto le radiografie in questione.
Altro aspetto è poi la valutazione complessiva del danno biologico effettuata dal CTU, che potrebbe aver già tenuto conto della dismetria nella propria relazione peritale: per cui un'analisi della CTU da un consulente medico di parte sarebbe stata, a suo tempo, opportuna .

Ancora Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#4] dopo  
Utente 318XXX

buongiorno
l'esito l'ha visto un ortopedico (conoscente) e mi ha riferito che secondo lui sia la scoliosi e il dislivellamento è quasi sicuramento provocato dall'incidente e dalla postura scorretta.
Sulle relazioni del medico legale di parte e del ctu non ci sono segnalazioni riguardo dismetria degli arti.
Come si può sapere se è stato considerato il peggioramento nella valutazione?
grazie

[#5] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,

può informarsi presso il Suo medico di parte che è stato nominato per la CTU.
Come riferimento, sappia che nelle Tabelle di Legge (Ministero della Salute, Decreto 3 luglio 2003) la menomazione "Accorciamento di 2 cm" per un arto è valutabile 3%.
E' strano che il dato venga osservato a posteriori, in quanto l'esame obiettivo per una lesione del genere avrebbe dovuto evidenziare la presenza di dismetria, se questa è clinicamente (oltre che radiologicamente) evidente.
Peraltro tenga presente che, anche se la causa è ancora in corso, esistono tempi tecnici tassativi per il deposito di memorie e consulenze di parte suppletive.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#6] dopo  
Utente 318XXX

buongiorno mi perdoni se continuo a fare domande, ma per chi non è competente non è facile capire.

sia il medico di parte mio che il ctu del tribunale hanno dato un danno biologico del 30%

i danni erano questi
lussazione anca, frattura acetabolo inserimento placca e viti cicatrice 10 cm, lesione nervo sciatico, frattura 3 metatarsi piede con inserimento placca e viti al primo e con cicatrice di 6 cm.

secondo Lei è il caso di segnalare un peggioramento?

con le radiografie solo del bacino annuali non è mai stato evidenziato un dislivellamento, è risultato facendo tutta la colonna vertebrale, ed è stato segnalato anche la scoliosi.

[#7] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,

se la causa è ancora in corso, e se i temini per la presentazione di memorie al CTU non sono scaduti, può segnalare il dato al Suo Legale, che valuterà di concerto col Suo medico di parte se sia opportuno richiedere una rivalutazione al CTU.

Ancora Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]