Utente 223XXX
Salve.
Vi scrivo per un parere. Sono al terzo rinnovo della patente speciale, a causa di assunzione di psicofarmaci. Alla visita di accertamento presso l'Asl di competenza, indirizzato lì dalla commissione medica provinciale, mi hanno detto che sono obbligato a fare l'esame delle urine, ma io non prendo nessuna sostanza elencata nel foglio (oppiacei, metadone, cannabinoidi, cocaina, anfetamine e benzodiazepine) ma solo Efexor 150. Dicono che, recentemente, sia entrata in vigore una legge che impone di fare questo esame.
Io sono senza patente perché quest'anno ho pensato tardivamente a prenotare la visita, tardi relativamente a quest'anno, in cui c'é sovraffollamento, a causa del'estensione dell'obbligo agli ultraottantenni.
Non ho neanche provato a spiegare all'impiegato che quello che assumo non ha nulla a che fare con le benzodiazepine. Ho pensato che non avrebbe capito.
Allora mi rivolgo a voi perché siete medici e, forse, sapete rispondermi.
E' vero che questo esame medico é necessario?
Posso in qualche modo oppormi, appellandomi ad una possibile scorretta interpretazione della legge, facendo valere il parere dello specialista presso il quale sono in cura?
Vi ringrazio.
Porgo cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

La Commissione Medica Locale (art. 330 DPR 495/1992 e art.119 Codice della Strada) può disporre accertamenti su campioni biologici secondo i metodi operativi che la stessa Commissione ha ritenuto opportuno stabilire.
Le consiglio di sottoporsi a tutti gli accertamenti che Le vengono richiesti.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]