Utente 645XXX
Gentilissimi dottori,
Vi scrivo per avere un vostro parere medico-tecnico riguardo la mia situazione.
Circa due mesi fa sono caduto con la moto ed ho riportato un forte trauma alla spalla e gomito sx.
Col tempo il gomito sembra sia migliorato mentre la spalla ha continuato a far male ,infatti in seguito ad una visita ortopedica presso un istituto mi hanno prescritto la rmn,che io ho fatto e che ha riportato il seguente referto:
"Si documenta un incremento del contenuto liquido nella borsa subacromion-deltoidea(borsite).
Frattura del cercine glenoideo anteriore.
Apofisi persistente dell'acromion.
Nn si osservano particolari alterazioni in corrispondenza dei tendini della cuffia dei rotori.
Il capo lungo del bicipite è regolarmente rappresentato.
La capsula articolare ha ampiezza nella norma.
Non si osservano alterazioni di segnali o soluzioni di continuità a livello dei legamenti gleno-omerali."

Questo è quanto riporatato,ma l'ortopedico che mi ha visitato non esclude che ci possa essere qualche lesione a livello del sovraspinoso.
Ora quello che mi preme sapere essendoci un'assicurazione di mezzo con una franchigia del 3% è a quanto ammonta la mia percentuale di invalidità per rendermi conto se devo procedere ad un risarcimento tramite avvocato.
Mi interesserebbe sapere a quanto corrisponde in percentuale il mio danno con la diagnosi fatta sulla RMN e se invece dovessi avere un lesione al sovraspinoso di quanto cambierebbe.
Intendiamoci ,voglio saperlo perchè se il danno solo per come è la prima diagnosi sulla rmn è uguale o inferiore al 3% non procederò affatto col rimborso solo per perdere tempo. .
Anticipatamente ringrazio tutti coloro che mi vorranno aiutare.Buon lavoro

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

la valutazione dell'invalidità permenente dopo infortunio in Assicurazione privata presuppone l'accertamento clinico delle lesioni subìte e dei relativi postumi.
In tale senso, ed in caso di dubbio sulle conseguenze dirette ed esclusive dell'infortunio, a mio parere è necessario senz'altro un approfondimento clinco e strumentale, perchè la valutazione in ambito assicurativo potrebbe essere significativamente maggiore.

Distinti Saluti.


Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 645XXX

Gentilissimo dott. Mascotti,
innanzitutto La ringrazio per la sua cortese risposta,effettivamente so che si dovrà approfondire se è interessato o meno il legamento sovraspinato,indubbiamente i danni sono ,qualsiasi siano,legati all'incidente perchè non ho mai avuto colpi sulla spalla da far pensare che siano riconducibili ad altri infortuni,so che una perizia o visità specialistica mi potrà essere più utile se fosse necessaria in seguito ,ma intanto io vorrei capire due cose,e le sarei grato se mi volesse aiutare a farlo, e cioè se il mio danno dovrebbe essere valutato solo per la frattura del cercine glenoideo anteriore se fosse necessario l'intervento e se non lo fosse e per la borsite di quanto potrebbe essere il mio danno e da quanto a quanto potrebbe variare in funzione alla necessita di operare e infine in aggiunta se ci fosse in più questa ipotetica lesione parziale del sovraspinato da non operare, quanto invece potrebbe essere quantificato il tutto?
Lo so che potrebbe sembrare poco professionale per lei rispondermi così senza una visita ma io voglio solo orientarmi per capire da quanto potrei partire nel caso di valutazione più bassa e cioe frattura cercine e borsite e a quanto potrei arrivare in aggiunta con la lesione parziale del sovraspinato,non chiedo un numero che prenderò per dato certo ma almeno un orientamento che possa farmi partire da una base fino ad massimo!!Spero nel mio ripetere di essermi spiegato bene.
Praticamente,mi interesasa sapere quanto valgono:
1)Lesione del cercine da non operare e borsite?
2)Lesione del cercine da operare e borsite?
3)Lesione del cercine da non operare, una borsite e una lesione del sovraspinato da non operare?
Infatti l'ortopedico mi ha detto che per il cercine l'operabilità dipende se ho o meno fastidi ,mentre per il legamento ,se fosse presente una lesione parziale da verificare con successiva ed approfondita rmn, non sarebbe ,per la sua entità, da operare.
Spero mi aiuterà!Grazie e buon lavoro.

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

devo dirLe che in ambito medico-legale, ed in particolare nel settore delle assicurazioni private non esistono tabelle valutative talmente dettagliate da poter quantificare il valore del danno di una lesione del cercine glenoideo con borsite, lesione da operare e da non operare, e fattispecie simili.

Le tabelle di riferimento riportano delle voci generali, che analizzano la limitazione dell'articolazione di spalla per grandi linee, e che rappresentano un orientamento per la valutazione di quelle menomazioni che non sono coincidenti, che il perito valuterà con criterio approssimativo, e mai con valutazione assoluta, con l'unica eccezione delle amputazioni e delle anchilosi totali.

Per di più sappia che in assicurazione privata, in caso di discordanza di valutazione, è previsto in genere un arbitrato, procedura onerosa per l'assicurato ed aleatoria.

Premesso ciò, posso ipotizzare una valutazione congrua con tabelle ANIA per i seguenti casi:
-borsite post-traumatica, rottura cercine glenoideo, minima instabilità di spalla con disturbi prevalentemente algici: 2% se a destra in destrimane, 1,5% se in arto non dominante

-borsite post-traumatica, lesione della cuffia dei rotatori, instabilità di spalla con associati disturbi algico-disfunzionali: 6% se a destra in destrimane, 4% se in arto non dominante

-lesione capsulo-ligamentosa di spalla con necessità intervento: valutazione da effettuarsi a postumi stabilizzati (6 mesi dopo l'intervento).

tenga conto che si tratta di ipotesi valutative teoriche, a mio parere eque, ma alle
quali il consulente medico di un'assicurazione potrebbe non aderire, olbbligando il ricorso all'arbitrato.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#4] dopo  
Utente 645XXX

Gent.mo Dott. Mascotti,
La ringrazio per la sua disponibilità,è stato molto esaustivo,ora posso valutare più o meno su queste basi, se mi converrà andare avanti per il risarcimento o meno,visto che la mia polizza al conducente ,essendo io caduto da solo con la moto senza colpa di terzi,prevede una franchigia del 3%.Grazie e buon lavoro.