Utente 242XXX
Salve,

sono un uomo sulla quarantina e sono stato vittima di un incidente stradale molto grave, Dio sa come mi sia salvato..

L'elicottero mi porta all'ospedale, e rimango cosciente per tutto il tragitto.

una volta giunto, dopo tutti gli accertamenti, i medici mi chiedono se sono disposto a fare le analisi del sangue.
Io acconsento senza il minimo dubbio, non avevo infatti nulla da "nascondere".

Dopo un po' di tempo (mentre ero all'opsedale) mi ritirano la patente!
questo giustificato da un (testuali parole) <<ipotetico tasso alcolemico 1.15 g/litr>>.

rimango scioccato dalla notizia, e non capisco come possa essere stato possibile visto che dalla sera prima non avevo bevuto un goccio di vino, e l'incidente avvenne alle 18.00 del giorno dopo.

Bevo ogni sera abitualmente due bicchieri di vino.

i medicinali che assumevo in quei giorni erano: oki e malox. un periodo precedente anche un antibiotico.

Queste assunzioni possono aver alterato gli esami?

ps: gli esami mi son stati fatti dopo l'assunzione all'ospedale di antidolorifici e altre cose che sinceramente non so.

PS: non mi hanno ancora comunicato che tipo di esame può esser stato. (se per es. un esame CDT... o è improbabile?)

se deciderà di soffermarsi su queste righe, la ringrazio in anticipo per il tempo che ha dedicato a un povero ignorante il quale sono.


[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

il tasso alcolemico che Le hanno riscontrato, se hanno avuto l'accortezza di conservare un campione di controllo, può essere sottoposto a controanalisi, ma mi pare strano che non le abbiano già fatte, prima di disporre il ritiro della patente.

La CDT (Transferrina Desialata) è l'esame specifico (oltre il 95%) per documentare l'assunzione cronica di alcolici; ma nel Suo caso non è di alcuna utilità, perché Le è stato contestato il superamento del tasso alcolemico durante la guida, che non è determinato da assunzione cronica di alcolici.

E' peraltro da verificare quanto tempo è trascorso fra l'incidente ed il prelievo di sangue, che va effettuato nelle immediatezze del sinistro stradale.
Infatti, sebbene possa sembrare un’ipotesi limite, è ben possibile che il conducente assuma subito dopo l’incidente sostanze alcoliche: quindi se il soggetto viene sottoposto a prelievo di sangue successivamente, potrebbe essere riscontrato il superamento del valore di alcolemia, ma ciò non costituirebbe prova del fatto che il soggetto fosse ebbro nel momento in cui si trovava alla guida della propria autovettura né, tantomeno, nel frangente del sinistro stradale.
Cosicché risulterà assai arduo stabilire, oltre ogni ragionevole dubbio, quale fosse il tasso alcolemico presente al momento dell’incidente e, conseguentemente, il giudice ben difficilmente potrà addivenire ad una sentenza di condanna per guida in stato di ebbrezza, in caso di contestazione della sanzione.

Tenga comunque presente che modiche quantità di alcol etilico sono contenute in:
-cioccolatini (Mon Cheri, Rhumetti ecc...)
-gelati (Grand Soleil)
-tortine (Fiesta Ferrero)
-prodotti omeopatici (Fiori di Bach e simili)
-Listerine (ed altri collutori orali)
-Aminomal (antismatico)

L'alcol etilico può anche essere contenuto in dolci, condimenti, salse ed altri prodotti alimentari.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]