Utente 193XXX
Gentilissimi medici,sono un ragazzo di 25 anni e provengo dalla sardegna e da quasi 7 anni sono affetto da disturbo da attacchi di panico e fobia specifica;mi e stata riconosciuta inizialmente dalla commissione medica inps l'invalidita civile piu l'indennita di accompagnamento col punteggio del 100% in quanto avrei bisogno di assistenza continua non essendo in grado nemmeno di uscire di casa se non sotto psicofarmaci e solo alle visite altrimenti non riesco ad uscire di casa;ma in data di revisione dopo aver passato appunto la seconda visita di accertamento non solo mi hanno levato l'accompagnamento ma mi hanno sospeso spero temporaneamente anche l'assegno d'invalidita in quanto come attesta il nuovo verbale sono stato riconosciuto stavolta come invalido con riduzione permanente della capacita lavorativa dal 74% al 99% con un punteggio finale dell'80% con prossima revisione nel 2017.Quindi vorrei sapere come poter procedere se eventualmente posso fare ricorso oppure domanda di aggravamento attestato naturalmente da apposita relazione medica fattami dalla psichiatra di cui sono in cura anche farmacologica da un po di tempo in quanto sono ancora allo stato iniziale della prima visita e non ho avuto nessun miglioramento,quale sarebbe secondo voi la soluzione migliore?In attesa di una vostra risposta vi saluto e ringrazio cordialmente per il tempo dedicatomi.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

nel caso voglia contestare il giudizio della Commissione per la verifica dell'invalidità civile, è prevista dall'art.38 della Legge 15 luglio 2011, n. 111 (conversione del D.L.98/2011), con decorrenza dal 1° gennaio del 2012, una nuova procedura, che è riportata negli articoli che ho elaborato per Medicitalia nei link seguenti:

https://www.medicitalia.it/mascotti.nicola/news/1824/Ricorsi-in-giudizio-per-invalidita-civile-legge-104-e-previdenza-circolare-INPS-N-168

https://www.medicitalia.it/mascotti.nicola/news/1244/Nuove-modalita-di-ricorso-giudiziario-per-l-invalidita-civile

E' implicito che il ricorso giudiziale deve essere sostanziato dalla documentazione clinica attestante lo stato di salute del ricorrente.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]