Utente 258XXX
buon giorno in data 28-3 uscita dall'lavoro sono caduta sbattendo violentemente la spalla sull'asfalto il g seg dolorante mi sono rivolta al il mio dok che mi ha mandato al ps il referto riposo con braccio al collo x 7 gg terapia antalgica e al perdurare dei sintomi eventuale ecografia per studio muscoli della cuffia dei rotatori e successiva visita ortopedica prognosi inail fino al 3-4 successiva visita all'inail dolore semprer forte e il medico inail ha scritto algia all'elevazione della spalla giorni fino all11 altro controllo situazione peggiorata algia all'elevazione,intra ed extrarotazione della spalla dx si prescrive eco altri giorni fino al27 l'eco evidenzia focale ipoecogenicita'del tendine del sovraspinato come per lesione a suo carico e da qui inizia L'INCUBO la sede inail mi manda a mi dall'ortopedico che consiglia degli esercizi fai da te (inutili e non corretti) chiedo se non sia il caso di fare una risonanza visto il forte dolore che dura da un po'troppo tempo mi sento rispondere che non e' il caso e che ho solo paura di muoverlo il braccio e che posso fare di meglio ho i g fino al 28 nel frattempo vado con la richiesta della mia dok da un fisiatra che MI VISITA mi prescrive degli esercizi fatti da un fisioterapista non fai da te! i primi 2 gg riesco poi col passare del tempo e' sempre più doloroso al successivo controllo inail sono furente e dolorante vengo sottovalutata e non creduta chiedo che mi si facciano fare accertamenti ma niente allora ci pensa la mia dok RMN e prenoto una visita ortopedica a pagamento xche' se non faccio cosi così ci vuole dai 6 ai 9 mesi con il referto RMN vado dal ortopedico che dopo una visita oltre a leggere il cartaceo guarda il dischetto e scopre spalla dx dolorosa posttraumatica disinserzione ancora bicipitale tipo slap lesio 2 e lesione intersezionale tendine sovraspinoso.vista RMN che mostra tendinopatia inserzionale senza rottura del sovraspinoso ma verosimile disinserzione dell'ancora bicipitale si consiglia trattamento chirurgico artroscopico
con questi referti mi reco di nuovo all'inail altro medico che nonostante io sia in attesa di fare i preoperatori e il ricovero mi chiude l'infortunio e mi manda al lavoro il 18-6 il 18 vado in ps con il braccio dolorante e con data intervento al 22 al ps mi riaprono riammissione in temporanea diagnosi algia post traumatica presc riposo si sottoporra ad intervento chi il gg 22 lettera di dim osp inviata all'inail con diagn rottura incompleta del sovraspinoso con disinserzione ancora bicipitale e conflitto subacromiale sp dx sottoposta ad intervento di tenotomia del capo lungo del bicipite debridment del sovraspinoso e acromionplastica anteriore prognosi 30 gg iniziare subito FKT controllo fra un mese DOPO TUTTO QUESTO l'inail ha chiuso l'infortunio mandando e se ne escono cosi' PER IL PERIODO SOPRA INDICATO NON PUO' ESSERE RICONOSCIUTO IL DIRITTO AD ALCUNA PRESTAZIONE IN QUANTO E' DA ATTRIBUIRE A MALATTIA COMUNE devo fare un bel ricorso vero? grazie

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

come già riportato in precedenti consulti, è possibile contestare la decisione contenuta nel provvedimento INAIL relativa alla chiusura dell'inabilità da infortunio (con passaggio a malattia comune), documentando l'impossibilità alla ripresa dell'attività lavorativa mediante certificazione, meglio se specialistica e rilasciata da struttura pubblica, che attesti le condizioni cliniche, e con tutti i riferimenti all'infortunio pregresso.
Per la pratica è preferibile rivolgersi agli Enti di patrocinio che esercitano assistenza gratuita ai lavoratori.

Distinti Saluti.

Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 258XXX

grazie mille in effetti un'amica mi ha suggerito di rivolgermi al patronato ho già avviato con loro la pratica e lunedì vado a fare la visita dal medico fiscale grazie ancora e spero di riuscire a risolvere positivamente la vicenda