Utente 267XXX
Buongiorno, mi chiamo Giuseppe ho 52 anni e 35 anni di contributi, tempo fà sono andato dal mio medico per un probblema di respirazione il quale mi ha riscontrato una bronchite cronica con asma avvalorata dai raggi.Non ho mai aperto nessun certificato riguardate questa malattia perché non me ne sono accorto, sono un ex fumatore ma ho smesso da tanti anni circa12 anni quando lavoravo il granito mi facevano le visite ed ero sanissimo. Vorrei sapere se posso avanzare una domanda di invalidita per malattia professionale all’inail visto che nella mia attivita lavorativa ho sempre fatto lavori a contatto con polveri: molti anni in segheria al granito dove vi è presente l’antimonio, poi in laboratorio di marmo alla fresa e frullino, alla resinatrice con mastici epossillici e infine ora faccio il muratore anche qui non manca la polvere. Ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spettt.le Utente,

per il riconoscimento delle malattie professionali da parte dell'INAIL esistono delle tabelle di riferimento [NUOVA TABELLA DELLE MALATTIE PROFESSIONALI NELL’INDUSTRIA DI CUI ALL’ART. 3 DEL D.P.R. 1124/1965 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI (ALL. N. 4 al D.P.R. 1124/1965)], che riportano la diagnosi della malattia professionale, il tipo di lavorazione cui viene associata ed il periodo massimo di indennizzabilità, cioè il lasso di tempo di entro il quale deve essere presentata la domanda dopo la cessazione dalla lavorazione.

Per quanto può riguardare il Suo caso, esiste nella tabella la voce 66) "Broncopneumopatia cronica ostruttiva", che è associata alla lavorazione "Estrazione, scavo e trattamento meccanico di rocce silicatiche, calcari e dolomie", e che presenta un periodo massimo di indennizzabilità di 6 anni dopo la cessazione della lavorazione.

Se la Sua diagnosi è "broncopneumopatia cronica ostruttiva" (che è tuttavia diversa dalla "bronchite cronica"), ha effettuato la lavorazione di estrazione di rocce di silicio o calcare o dolomie, e non sono passati più di 6 anni dalla cessazione della lavorazione, ha buone possibilità di riconsocimento della malattia professionale.

Altrimenti, può comunque presentare l'istanza, ma con onere della prova a Suo carico (cioé deve essere Lei a dimostrare che la malattia ha origine professionale) il che è assai difficile ed oneroso.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 267XXX

La ringrazio per la esauriente risposta. Distinti Saluti

[#3] dopo  
Utente 267XXX

Buongiorno, vorrei sapere se questa malattia che si chiama anche silicosi può essere attribuita anche nell'edilizia visto che faccio lavori anche di taglio di pietre da pavimento, e anche i laterizi contengono silicio, il cemento contiene silicio e quando si butta la polvere nell'impasto la si respira.La bronchite cronica con leggera asma è la silicosi? è riconosciuta come malattia professionale dallINAIL.
GRAZIE

[#4] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

la silicosi come malattia professionale può essere contratta nelle lavorazioni riportate nell'allegato 8 al DPR 30 giugno 1965 N°1124 (modificato dal D.M. 20 giugno 1988), che sono:
a) Lavori nelle miniere e cave in sotterraneo e lavori in sotterraneo in genere, lavori nelle miniere e cave a cielo aperto e lavori di scavo a cielo aperto in presenza di roccia contenente silice libera o che comunque espongano all'inalazione di polvere di silice libera
b) Lavori di frantumazione, macinazione e manipolazione di rocce, materiali ed abrasivi contenenti silice libera o che comunque espongano all'inalazione di polvere di silice libera
c) Taglio, lavorazione, preparazione, levigatura, smerigliatura, molatura, lucidatura, adattamento di altri materiali contenenti silice libera o che comunque espongano all'inalazione di polvere di silice libera. Taglio, levigatura, smerigliatura, molatura, lucidatura, eseguiti con impiego di materiali contenenti silice libera escluse le operazioni di molatura di utensili,aventi carattere occasionale) o che comunque espongano alla inalazione di polvere di silice libera.
d) Produzione di mole e abrasivi in genere, di refrattari, di ceramiche, di cemento e del vetro, limitatamente alle operazioni su materiali contenenti silice libera o che comunque espongano all'inalazione di polvere di silice libera.
e) Lavori nelle industrie siderurgiche, metallurgiche, meccaniche, nei quali si usino o si trattino materiali contenenti silice libera o che comunque espongano all'inalazione di polvere di silice libera. |
f) Produzione di laterizi, comprese le cave di argilla, ed altre lavorazioni limitatamente alle aziende nelle quali si accerta la presenza del rischio silicotigeno.

La bronchite cronica con asma ( J 44 nella classificazione ICD-10 delle malattie) è una patologia diversa dalla silicosi (J 62 nella stessa classificazione).

Distinti Saluti.

Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#5] dopo  
Utente 267XXX

Grazie per la risposta, ma la bronchite cronica puo rientrare come malattia professionale nell'ambito del mio lavoro? Muratore.

[#6] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

come Le avevo già detto in data 12-09-2012, la bronchite cronica (J 44) non rientra fra le malattie professionali tabellate.
Può comunque presentare istanza, ma con onere della prova a Suo carico (cioé deve essere Lei a dimostrare che la malattia ha origine professionale) il che è assai difficile ed oneroso.

Distinti Saluti.


Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]