Utente 291XXX
Buongiorno,
Sono affetta da connettivite autoimmune. Per una recente monoartrite da cristalli al piede destro (non gotta) ho effettuato dal mio reumatologo curante un'infiltrazione di cortisone e sono stata avvisata da lui che ci sarà bisogno probabilmente di altre due. Dovendo andare per un ciclo di infusioni per il Fenomeno di Raynaud nel reparto di reumatologia dell'ospedale dove sono in cura da 12 anni e dove il mio reumatologo ora in pensione è stato primario per otto anni e essendo in questo momento impossibilitata di andare nello studio del mio reumatologo col consenso di lui e dopo la visita effettuata all'accettazione che ha confermato la necessità immediata di una seconda infiltrazione vista la riacutizzazione della monoartrite ho chiesto di effettuare la seconda infiltrazione in reparto. Ma il medico del reparto che effettua le infiltrazoni senza nemmeno visitarmi si è rifiutato di eseguire l'infiltrazione richiesta con la scusa che la prima infiltrazione non l'ha eseguita lui. Premetto che ho dolori acutissimi e faccio enorme fatica a camminare. La mia domanda è questa - può il medico del reparto rifiutarsi senza visitarmi di eseguire un'infiltrazione richiesta all'accettazione e dal mio medico curante solo perchè la prima infiltrazione non è stata eseguita da lui? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

un medico non è obbligato a praticare un determinato trattamento iniziato da un altro collega soltanto se
1) non sia d'accordo con questo trattamento ritenendolo superfluo o non necessario o controindicato (controindicato almeno in quel particolare momento)
2) non abbia la preparazione tecnica per effettuarlo (in tal caso, se il trattamento fosse necessario, la paziente va indirizzata ad altro collega).

Nel caso che il trattamento terapeutico, anche se iniziato da altro collega, sia ancora necessario e se soprattutto la mancata effettuazione del trattamento possa peggiorare la situazione clinica, non può esservi opposto un rifiuto senza una valida motivazione.

Certo, il fatto che il rifiuto sia stato opposto senza prima avere fatto una visita può essere censurabile.

Buona giornata
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 291XXX

Gent. Dott. Corcelli,
La ringrazio della Sua esauriente risposta che mi è stata davvero molto utile per darmi indicazioni su come mi devo comportare in casi simili.
Mi ha risposto nel giorno di Natale, colgo l'occasione per augurarLe Buon Natale